Armando Sanna: “Nessuna boutade politica. La programmazione è totalmente assente”

Sant’Olcese (GE), 18 giugno 2020

Apprendo con grande rammarico che la lettera aperta al Presidente Toti e all’Assessore Giampedrone non risulta al momento meritevole di una risposta ufficiale, ma solo mediatica. Nell’attesa ho deciso di fare altrettanto, rispondendo tramite gli organi di stampa a quanto affermato dall’Assessore.

La mia lettera, tengo a precisarlo, non voleva essere un attacco alla Protezione Civile Regionale, né tanto meno voleva avere la connotazione politica da campagna elettorale evocata polemicamente dall’Assessore.

La finalità era tutt’altra. Ho voluto solamente sottolineare come in questi cinque anni non sia stata pianificata dagli enti a noi sovraordinati una programmazione funzionale alla prevenzione del dissesto idrogeologico che caratterizza la nostra Regione, ma ci si è limitati quasi esclusivamente alla gestione delle Somme urgenze.

L’esempio più calzante è proprio quello riportato dallo stesso Assessore, quando ha richiamato il caso di Via Amendola: la segnalazione sulla pericolosità di quella strada giaceva da tempo presso gli uffici regionali, senza risposta. Solo in seguito all’evento franoso e alla chiusura del tratto, dove il Comune ha dovuto esporsi con fondi propri sia nella fase progettuale che di realizzazione dei primi lavori di consolidamento, e dopo ulteriori eventi atmosferici che hanno ulteriormente aggravato la situazione, è stata riconosciuta dalla Regione una somma urgenza di 100mila euro, a fronte di una richiesta di 300mila. Tali somme sono servite per consentire la riapertura della strada a senso unico alternato e con una limitazione di peso e larghezza per i veicoli in transito. Con una programmazione più ad ampio respiro, con la stessa cifra avremmo probabilmente evitato frana, chiusura e ridimensionamento di quella strada.

Sono stupito nel leggere le considerazioni sugli esigui finanziamenti per la pulizia dei rivi e sono amareggiato come Sindaco nell’apprendere, per la prima volta nei miei sei anni di mandato, come la Giunta Regionale abbia declassato ad un “temporale estivo” quanto accaduto nel Comune di Sant’Olcese nella notte tra il 7 e l’8 giugno scorso, in barba ad un dato pluviometrico che attesta inequivocabilmente l’entità del fenomeno. Un evento che avrebbe potuto colpire qualsiasi porzione della Regione Liguria, e i dati non mentono, quale che sia il Comune in cui vengono registrati.

Nei miei anni da Amministratore la linea guida è sempre stata quella di stare in mezzo alla gente e con la gente: l’ultima dimostrazione è data dall’evento sopra citato, in cui i miei pensieri e quelli dei miei collaboratori sono stati quelli di supportare, durante e dopo, i volontari e mettere in sicurezza i cittadini.

La non troppo velata accusa di diffondere la “boutade politica” citata, pertanto, la rinvio cordialmente al mittente.

Questa sera il nostro Sindaco ospite a Primocanale

Questa sera alle 21.30 il nostro Sindaco Armando Sanna interverrà come ospite alla trasmissione “Liguria 2020” di Primocanale per parlare dei temi caldi del momento particolare che stiamo vivendo e di come affronteremo il post-covid: aperture, bilancio comunale, turismo e tanto altro.

Fase 2: bilancio, associazioni e scuole nelle parole del Sindaco

Nella prima intervista “vis a vis” dopo il lockdown, il Sindaco Armando Sanna parla a “La Polcevera” dell’approvazione del bilancio, che guarda più al sociale dando una mano a chi ha bisogno, e delle difficoltà in questa fase di ripresa.

Vicinanza alle associazioni e preoccupazione per la ripartenza delle scuole a settembre sono solo alcuni dei temi toccati nell’intervista.

Dai Sindaci liguri una lettera aperta al Presidente Toti: no ai protagonismi, si alla coerenza!

 

Una lettera aperta che moltissimi Sindaci liguri scrivono al Governatore Toti. Un testo pacato ma fermo, che arriva da chi ogni giorno, con pochissimi mezzi, combatte il caos normativo e deve rispondere ai cittadini disorientati. Cittadini che pongono domande alle sole istituzioni che hanno la vicinanza necessaria per rispondere: i Comuni.

Sperando che la Regione ascolti questo appello, vi proponiamo di seguito il testo, scaricabile anche cliccando qui.

Di seguito il testo.

“Da Amministratori Locali, condividiamo l’esigenza e la volontà di favorire al più presto una riapertura, possibilmente anche anticipata, delle diverse attività economiche per permettere la ripresa e il rilancio dei nostri territori, ma chiediamo che questa avvenga di concerto con il Governo e con i Comuni per evitare ulteriore confusione.

Di fronte alla situazione di caos normativo venutasi a creare negli ultimi giorni, che non permette al cittadino di conoscere facilmente le misure in vigore e quindi di adottare i comportamenti corretti, invitiamo quindi la Regione Liguria a non procedere oltre con proprie autonome ordinanze nella gestione della Fase 2, privilegiando realismo e senso di responsabilità.

In linea con quanto affermato dal Presidente di ANCI, Antonio Decaro, che ha giustamente stigmatizzato il “protagonismo regionale” al quale stiamo assistendo, e in conformità con le Linee Guida indicate dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dal Ministero della Salute, chiediamo e ribadiamo la necessità di una coerenza istituzionale tra le decisioni assunte dallo Stato centrale e dagli Enti Territoriali.

Chiediamo inoltre, alla Regione di mantenere alta l’attenzione sul fronte sanitario, in quanto i dati dell’epidemia riferiti alla Liguria non permettono abbassamenti dei livelli di guardia (il primo di maggio si è registrata la più alta percentuale di crescita di contagiati , +1,63%, con la Lombardia al +0,97% e con la media nazionale al +0,60%)”.

Fabio Natta – Consigliere Nazionale ANCI e Sindaco del Comune di Cesio (IM)
Ilaria Caprioglio – Sindaco del Comune di Savona (SV)
Gianluca Tinfena – Consigliere Nazionale ANCI e Vice Sindaco del Comune di Arcola (SP)
Simone Franceschi – Consigliere Nazionale ANCI e Sindaco del Comune di Vobbia (GE)
Valentina Ghio – Consigliere Nazionale ANCI e Sindaco del Comune di Sestri Levante(GE)
Enrico Ioculano – Consigliere Nazionale ANCI e Consigliere Comunale del Comune di Ventimiglia(IM)
On. Luca Pastorino – Presidente Commissione Turismo ANCI e Consigliere Comunale del Comune di Bogliasco (GE)
Claudio Scajola – Sindaco del Comune di Imperia (IM)
Domenico Abbo – Presidente Provincia di Imperia e Sindaco del Comune di Lucinasco (IM)

Angelo Galtieri – Sindaco reggente del Comune di Alassio (SV)
Fabrizia Pecunia – Sindaco del Comune di Riomaggiore (SP)
Daniele Montebello – Sindaco del Comune di Castelnuovo Magra (SP)
Riccardo Tomatis – Sindaco del Comune di Albenga (SV)
Giancarlo Campora – Sindaco del Comune di Campomorone (GE)
Monica Giuliano – Sindaco del Comune di Vado Ligure (SV)
Monica Paganini – Sindaco del Comune di Arcola (SP)
Luigi Gambino – Sindaco di del Comune di Arenzano (GE)
Ilario Agata – Sindaco del Comune di Levanto (SP)
Alberto Battilani – Sindaco del Comune di Bolano (SP)
Marina Lombardi – Sindaco del Comune di Stella (SV)
Paola Sisti – Sindaco di Santo Stefano di Magra (SP)
Nicola Isetta – Sindaco del Comune di Quiliano (SV)
Armando Sanna – Sindaco del Comune di Sant’Olcese (GE)
Caterina Mordeglia – Sindaco del Comune di Celle Ligure (SV)
Luigi Romano – Sindaco del Comune di Ceriale (SV)
Rosa Oliveri – Sindaco del Comune di Ronco Scrivia (GE)
Emanuela Molinari – Sindaco del Comune di Ceranesi (GE)
Ilvo Calvia – Sindaco del Comune di Pontedassio (IM)
Alessandro Silvestri – Sindaco del Comune di Luni (SP)
Mattia Fiorini – Sindaco del Comune di Spotorno (SV)
Angela Negri – Sindaco del Comune di Serra Riccò (GE)
Roberto Arboscello – Sindaco del Comune di Bergeggi (SV)
Emanuele Moggia – Sindaco del Comune di Monterosso al Mare (SP)
Roberto Barelli – Sindaco del Comune di Orco Feglino (SV)
Francesco Olivari – Sindaco del Comune di Camogli (GE)
Maurizio Beltrami – Sindaco del Comune di Torriglia (GE)
Gianluca Nasuti – Sindaco di Albissola Marina (SV)
Luigino Dellerba – Sindaco del Comune di Aurigo (IM)
Alessandra Avegno – Sindaco del Comune di Deiva Marina (SP)
Mirko Ferrando – Sindaco del Comune di Mele (GE)
Gianluigi Brisca – Sindaco del Comune di Bogliasco (GE)
Massimiliano Mela – Sindaco del Comune di Borgomaro (IM)
Maria Grazia Grondona – Sindaco del Comune di Mignanego (GE)
Fernanda Gandolfi – Sindaco del Comune di Caravonica (IM)
Lucio Fossati – Sindaco del Comune di Noli (SV)
Katia Piccardo – Sindaco del Comune di Rossiglione (GE)
Lina Cha – Sindaco del Comune di Cervo (IM)
Mirko Bardini – Sindaco del Comune di Montebruno (GE)
Alessandro Comi – Sindaco del Comune di Calice Ligure (SV)
Gianni Agnese – Sindaco del Comune di Chiusanico (IM)
Alessandro Oddo – Sindaco del Comune di Tovo San Giacomo (SV)
Alessandro Alessandri – Sindaco del Comune di Pieve di Teco (IM)
Mario Scampelli – Sindaco del Comune di Calice al Cornoviglio (SP)
Mariano Bianchi – Sindaco del Comune di Montaldo Carpasio (IM)
Bruno Franceschi – Sindaco del Comune di Fontanigorda (GE)
Renato Cogorno – Sindaco del Comune di Propata (GE)
Ivano Chiappe – Sindaco del Comune di Davagna (GE)
Isio Cassini – Sindaco del Comune di Soldano (IM)
Francesco Gugliemi – Sindaco del Comune di Perinaldo(IM)
Marco Traversone – Sindaco del Comune di Sesta Godano (SP)
Giuseppino Maschio – Sindaco del Comune di Borzonasca (GE)
Massimo Bertoni – Sindaco del Comune di Vezzano Ligure (SP)
Roberto Trutalli – Sindaco del Comune di Pigna (IM)
Augusto Peitavino – Sindaco del Comune di Isolabona (IM)
Giuseppino Maschio – Sindaco del Comune di Borzonasca (GE)
Giorgio Bernardin – Sindaco del Comune di Bonassola (SP)
Paola Giliberti – Sindaco del Comune di Vessalico (IM)
Massimo Niero – Sindaco del Comune di Cisano sul Neva (SV)
Adriano Biancheri – Sindaco del Comune di Olivetta San Michele (IM)
Luca Ronco – Sindaco del Comune di Borghetto D’Arroscia (IM)
Mauro Fantoni – Sindaco del Comune di Montoggio (GE)
Arnaldo Mangini – Sindaco del Comune di Rondanina (GE)
Sabrina Losno – Sindaco del Comune di Vendone (SV)
Valerio Ferrari – Sindaco del Comune di Terzorio (IM)
Piero Raimondi – Sindaco del Comune di Ranzo (IM)
Emilio Fossati – Sindaco del Comune di Pornassio (IM)
Marco Gallizia – Sindaco del Comune di Fascia (GE)
Vittorio Centanaro – Sindaco del Comune di Leivi (GE)
Corrado Elena – Sindaco del Comune di Villa Faraldi (IM)
Claudio Mucilli – Sindaco del Comune di Diano San Pietro (IM)
Massimo Casaretto – Sindaco del Comune di Carasco (GE)

Verso il 25 Aprile, parla Armando Sanna

WhatsApp Image 2020-04-24 at 13.59.20

Care amiche e cari amici,

la consapevolezza del tempo in cui viviamo non risulta semplice da accettare. In queste lunghe settimane stiamo affrontando insieme un nemico terribile. Un momento come questo necessità di grande unità e resistenza. Un’unità virtuale, forte, per rendere efficaci i sacrifici che stiamo affrontando. Una resistenza d’animo granitica, nella speranza di ripartire, il più presto possibile.

La storia ci pone nuovamente d’innanzi ad una prova molto dura, in cui i Nostri valori di libertà sono stati forzatamente limitati. Questo inevitabilmente ci porta ad un parallelismo doveroso: la Liberazione, il 25 Aprile.

Quest’anno non potremo scendere in piazza a festeggiare, ma non rinunceremo a ricordare l’importanza che questa data rappresenta per il nostro Paese e per tutti Noi.

Oggi più che mai i valori della nostra Costituzione e le battaglie che tante e tanti fecero per la Liberazione del nostro Paese dal fascismo devono essere ricordati, con ancor più forza.

La memoria, l’impegno e i valori della solidarietà e dell’antifascismo costituiscono le basi fondamentali di questa amministrazione.

Quest’anno, nel settantacinquesimo anniversario della Liberazione, abbiamo bisogno più che mai di celebrare la nostra libertà, di tornare a guardare al futuro con speranza e coraggio.

Sappiamo che, una volta passata questa tempesta, saremo chiamati a ricostruire un mondo più giusto, più equo, più sostenibile.

Per tutti questi motivi, in una forma adeguata alle disposizioni ministeriali in essere, sabato 25 Aprile onoreremo tutte quelle donne e quegli uomini che con la vita ci donarono la Nostra libertà. Lo faremo per coloro che resistono oggi, nelle corsie degli ospedali. Lo faremo per chi, con cuore gonfio d’emozione, ricorderà quei giorni, celebrandoli intimamente, in casa. Lo faremo anche per chi oggi tenta vigliaccamente di obliare questo giorno, dimenticandosi che la libertà di pensiero è figlia di quel periodo. Lo faremo per tutti Voi, che lottate insieme a Noi, oggi più che mai.

“Il 25 Aprile. Una data che è parte essenziale della Nostra storia: è anche per questo che oggi possiamo sentirci liberi. Una certa Resistenza non è mai finita.”  Enzo Biagi

                                                                                                                                             

                                                                                                                       Il Sindaco
Armando Sanna

Ringraziamento

lutto_2

In questo momento di buio, disorientamento e sofferenza, desidero ringraziarVi per le innumerevoli manifestazioni di caloroso affetto e vicinanza, ricevute anche in modi sorprendenti (dato il tempo che stiamo vivendo).

Questo prezioso sostegno emotivo, potrà darmi la forza per riprendere, doverosamente, il mio importante impegno di Sindaco.

Vi abbraccio. A presto, speriamo a prestissimo.

Armando

Coronavirus, al Comune di Sant’Olcese 30mila euro: il commento del sindaco

Qualche puntino sulle “i” per questo anticipo di soldi “nostri”, cioè della comunità, arrivati oggi a Sant’Olcese. Ne ha parlato il Sindaco ieri in collegamento con Primocanale.

Non un euro in più (per ora) nelle casse del Comune, ma una buona liquidità e tanto lavoro da fare per distribuire i buoni alimentari a chi ne ha più bisogno.

Guarda l’intervista cliccando qui.

Coronavirus: ordinanza sindacale ad integrazione del DPCM 22 marzo

Ad integrazione del Decreto della Presidenza del Consiglio, il Sindaco ha emanato un’ordinanza in cui si specificano nel dettaglio le misure intraprese. Nello specifico, si rimarca anche la chiusura dei cimiteri del territorio.

Coronavirus: il Sindaco spiega tutte le misure adottate dal Comune

In questo momento difficilissimo, sono molte le azioni che il Comune sta mettendo in campo, a tutela della salute dei propri dipendenti e della cittadinanza. Nella situazione concitata delle numerose informazioni che stiamo fornendo alla popolazione attraverso i nostri canali, vogliamo fare il punto della situazione. Lo facciamo con il video del nostro Sindaco, anticipato ieri sera tramite Facebook ed i nostri canali YouTube e Telegram.

– L’accesso agli uffici da parte dell’utenza è stato disciplinato esclusivamente su appuntamento. Sono stati individuati i servizi pubblici essenziali e gli utenti sono stati invitati a usare per quanto possibile telefono e mail per il disbrigo delle pratiche.
– E’ stato disciplinato il lavoro agile per i dipendenti, con modalità concordate con i Capi Settore delle singole aree, in modo da garantire una presenza minima in ufficio per assicurare la continuità dell’azione amministrativa.
– E’ stato ridotto l’orario di lavoro dal lunedì al venerdì dalle ore 07:00 alle 12:00 (con flessibilità dalle ore 08:00 alle ore 13:00), fatta eccezione della Polizia Locale che manterrà la regolarità oraria.
– Ogni singolo responsabile di Settore, alla luce delle esigenze manifestate da ogni dipendente, ha proposto alla Giunta la riorganizzazione dell’Ufficio individuando le attività indifferibili da rendere in presenza.
– Sono state disposte le misure di sanificazione per gli uffici comunali, e le dotazioni di DPI per i dipendenti. Quest’ultima operazione, di estrema difficoltà per la mancanza di forniture adeguate, si è anche tradotta in una richiesta urgente di supporto alla Protezione Civile regionale.
– E’ in corso una massiccia campagna informativa su di controllo ed informazione su tutto il territorio, grazie all’impegno dei Volontari di Protezione civile e della Polizia Municipale, affiancata dai nostri sistemi informativi.
– E’ stato rimodulato il Servizio di trasporto sociale per venire incontro alle esigenze di consegna a domicilio di spesa e farmaci per le persone impossibilitate a muoversi, rivolto soprattutto alle categorie più a rischio.
– E’ stato istituito il servizio denominato “Telefono Amico”, per il supporto psicologico telefonico, per mantenere il contatto sociale con le persone più sole.
– E’ stato garantito, in accordo con il gestore, il servizio di raccolta differenziata dei rifiuti, pur con qualche limitazione dei servizi accessori, comunque di fatto non consentiti dalle limitazioni allo spostamento.
– E’ stato richiesto un parere ad ASL-ARPAL sulla sanificazione delle strade. Il procedimento, come si può leggere nella risposta ufficiale, non porta nessun beneficio in termini di sicurezza, mentre un utilizzo massivo delle sostanze sanificanti potrebbe essere al contrario dannoso per l’ambiente.