Un’assemblea pubblica sulla salute in Valpolcevera

Su iniziativa dei Circoli della Valpolcevera e dell’Alta Valpolcevera, il PD ha organizzato un’assemblea pubblica per discutere di due temi fondamentali per la qualità del servizio sanitario in vallata: la realizzazione di una Casa della Salute e la difesa dell’Ospedale Villa Scassi, per il quale il Piano Sociosanitario regionale del centrodestra prevede invece un intervento di depotenziamento. L’incontro si terrà oggi  venerdì 15 dicembre alle ore 17 presso il teatro della Soc. Certosa, in via San Bartolomeo della Certosa 11.

Tutti i dettagli nella locandina ufficiale.




Annunci

Qui e non solo in edicola: volontariato, la forza di Sanna

 

… e di tutto il Comune. Nel nuovo numero del bimestrale di vallata “Qui e non solo dintorni” si parla, tra le altre cose, della marcia in più che i volontari riescono a dare a Sant’Olcese.

Naturalmente in primo piano i risultati della festa della solidarietà e quelli dell’esercitazione di protezione civile con, appunto,  volontari protagonisti. Protezione civile, e pulizia dei rivi “Quando la Regione garantisce 8 mila euro per la puliziadei torrenti e tu Comune puoi aggiungerne al massimo 5 devi  evitare illusioni nei confronti dei cittadini. Abbiamo fatto quanto possibile, ma con queste cifre è sempre troppo poco”, spiega il Sindaco con un po’ di amarezza. Discorso differente in caso di finanziamenti extra ordinarietà come dimostrano le azioni importanti di cui abbiamo parlato sul versante a nord di Piccarello (Gazu e Ciubega).

Si parla naturalmente anche dei risultati ottenuti sullo sblocco della vicenda legata al fallimento Garaventa, sia per Comago che per Torrazza. E poi cenni anche alle vicende del nuovo ambulatorio medico e della questione campo Sinti di Bolzaneto. Senza dimenticare i nuovi marciapiedi di Via Don Sturzo, con annessa casetta del latte e la riqualificazione della piazzetta di Trensasco.

Infine, un gustoso articolo su Lorenzo Torre, il Giotto del nuovo millennio residente sulle alture di Sant’Olcese.

 

Per approfondire questi e gli altri temi abbonati al magazine, al costo annuale di 14 euro.

Per ulteriori informazioni:

Direzione: Via V. Veneto 137/11
16018 Mignanego
Cell. 328.2020805
redazionequi@gmail.com

Incendi, emergenza in Liguria

Da domani sabato 28 ottobre scatta lo stato di grave pericolosità per gli incendi boschivi anche per le province di Genova e La Spezia. È stato decretato dal dipartimento Agricoltura della Regione Liguria. “La decisione – spiega l’assessore regionale all’Agricoltura Stefano Mai – è stata presa viste le attuali condizioni di secchezza del terreno e delle previsioni sulle condizioni meteo climatiche che prevedono condizioni purtroppo idonee a favorire l’insorgere di incendi boschivi”.

Continua a leggere

Trenino, estate con meno passeggeri? Certo, ma ….

trenino

Il nostro trenino fa sempre una certa presa sulle persone e, di conseguenza, qualche articolo periodicamente scatena sui social e non solo ampie e controverse discussioni. L’articolo in questione, comparso due giorni fa sull’edizione locale di Repubblica, metteva in risalto il calo di presenze rispetto all’estate scorsa. Più di 10mila passeggeri in meno tra giugno e luglio per un totale 2017 di 26.533 utenti. Certo, i numeri sono numeri. Inconfutabili. Come sono dati di fatto l’incremento dell’offerta turistica di Sant’Olcese rispetto lo scorso anno, anche se il citato Mercato di Forte dei Marmi a Manesseno non può essere certo portato ad esempio (virgolettato) come portatore di indotto sul trenino. Un altro dato di fatto (positivo) è il grande lavoro fatto da AMT sulla linea, mentre è sotto gli occhi di tutti la difficoltà dell’azienda sul fronte del materiale rotabile.

Scontato anche un calo rispetto alla stagione di apertura. Scontato ma difficilmente quantificabile. Per questo i dati sono dati, ma possono essere interpretati. Un confronto su questi aspetti con Andrea Martinelli degli Amici FGC è sempre proficuo e, da questa discussione, sono emersi elementi interessanti, poi ribaditi ed ampliati pubblicamente sulla pagina Facebook dell’associazione.

Uno di questi è sicuramente l’effetto dell’aumento dei prezzi, praticato per i non residenti a favore dei nostri cittadini, un’operazione secondo noi tutto sommato positiva. Difficile quantificare. Per aumentare la richiesta, occorre aumentare l’offerta. La Regione, come dichiarato dallo stesso Assessore Berrino, ha ribadito la volontà di continuare a promuovere questo patrimonio del territorio, ammettendo però che per un piano promozionale mirato servirebbero altre risorse. E certo i Comuni non possono fare molto di più di quello che stanno facendo.

Ricordiamo poi che il trenino è stato fermo per un periodo a giugno. Una bella fetta del tempo preso in considerazione per la conta dei passeggeri nei due mesi di giugno e luglio. Anche questo dato forse basta per dire che i dati non sono il massimo dell’affidabilità statistica.

E infine, la variabile caldo. Sembra una congettura, ma l’estate del 2016 è stata più fresca di quella del 2017: a luglio il caldo record ha spinto tutti in spiaggia. Queste non sono considerazioni scientifiche, ma l’esperienza insegna che il caldo torrido scoraggia l’attività fuori porta con il trenino.

Insomma, a nostro modo di vedere, il trenino “tira” ancora. C’è molto da fare, ognuno per le proprie competenze e risorse. E non ci tireremo certo indietro.

Fattorie aperte 2017: Sant’Olcese presente

Anche a Sant’Olcese si può partecipare a questa bellissima esperienza, presso l’Azienda Agrituristica La Fattoria di Marta Via Arvigo Sopra, 5. Ecco i contatti.

Tel 010 716181
Cell 340 6440214
lafattoriadimarta@alice.it
http://www.lafattoriadimarta.com
Attività didattica:
– Il mondo della api
– Il formaggio

Per ulteriori info sugli.eventi di tutta la regione visita

https://www.lamialiguria.it/it/component/content/article/110-all-aria-aperta/4916-fattorie-aperte-2017.html

Regione: nuovi fondi per la ferrovia Genova-Casella

La Ferrovia Genova Casella è stata oggetto negli ultimi anni, prima in previsione della riapertura, ma anche dopo il riavvio del servizio, di importanti investimenti che hanno notevolmente migliorato la situazione dell’infrastruttura. Tanto per fare qualche numero riguardo ai lavori sull’armamento (fonte Amici FGC), nei primi 6 mesi del 2017, grazie soprattutto al contratto di service sottoscritto da AMT che assicura la manutenzione ordinaria alla linea, si sono messe in opera oltre 1000 traverse nuove, oltre 200 m di rotaie nuove, circa 100 mc di pietrisco.

Sono inoltre in corso di predisposizione due gare (importo complessivo superiore ai 600mila euro) riguardanti interventi di rinnovo straordinario dell’armamento: la prima riguarda il rifacimento completo dell’armamento sul ponte Cortino (tratta in ingresso a Casella Deposito sotto rallentamento) e la seconda il rinnovo straordinario delle tratte attualmente ammalorate (e sotto rallentamento) tra Busalletta e Tullo, non ricomprese nei precedenti interventi d’urgenza (nonché il rinnovo di una curva prima dei “roccioni di Molinetti“). Con questi interventi saranno eliminati tutti i rallentamenti oggi in essere sulla Ferrovia Genova-Casella, già notevolmente ridotti dal giorno dell’apertura.

E’ poi notizia di ieri che, tra i 13 milioni di euro per 30 progetti che coinvolgono la Liguria nell’ambito del programma Interreg Marittimo Italia-Francia 2014-2020, altri fondi potrebbero essere in arrivo per la nostra Ferrovia. Regione Liguria è infatti capofila del progetto TRENO – da 280mila euro – per la valorizzazione delle ferrovie storiche come la Genova-Casella. Ecco le parole dell’assessore regionale competente Rixi, in cui si cita anche espressamente il trenino: “Le risorse sbloccate si inseriscono nelle linee di pianificazione regionale e i progetti sono sinergici alle politiche del territorio. Grazie al buon lavoro svolto, portiamo in Liguria finanziamenti europei che ci consentiranno di avviare interventi importanti per esempio sull’ambientalizzazione dei porti, della ferrovia storica Genova-Casella, sulla promozione dei nostri prodotti tipici, dell’entroterra, della cultura locale,coinvolgendo anche l’Università e quindi puntando sull’innovazione. La Liguria, visti gli ottimi risultati raggiunti in termini di progetti europei approvati, si sta attestando come Regione modello anche per gli altri partner del programma”.

Ondate di calore: informazione e prevenzione

Forse per qualcuno sarà scontato ma, soprattutto per alcune fasce di popolazione, l’informazione e la prevenzione contro i disagi da caldo sono fondamentali. E avvertire sugli stati di allerta caldo rappresenta inoltre per i Comuni un preciso dovere a cui adempiere. E da ieri sui nostri pannelli informativi prontamente queste informazioni sono visibili a tutti, ben informati e non.
Già da ieri la Regione Liguria annunciava infatti sul proprio sito, oltre allo stato di grave pericolosità per gli incendi, il livello di pre-allerta giallo per il caldo.

Fra i consigli degli esperti, non esporsi al sole nelle ore più calde della giornata (delle 11 alle 19); garantire un apporto sufficiente di acqua (almeno 1,5 litri nelle persone che non presentano particolari patologie) evitando bevande alcoliche o gassate e zuccherate, soprattutto se molto fredde; indossare abiti in tessuti naturali quali lino e cotone e di colori chiari; adottare un regime alimentare leggero con prevalenza di frutta, verdura e legumi; utilizzare la climatizzazione di casa (non inferiore ai 24-25 gradi) oppure frequentare luoghi climatizzati per almeno 4 ore al giorno.

Ecco infine un articolo di qualche tempo fa che riassumeva schematicamente tutte le informazioni per fronteggiare queste situazioni. Buona lettura!

https://santolceseinforma.wordpress.com/2012/06/19/protezione-civile-in-famiglia-ondate-di-calore/

Libri in comodato d’uso per l’anno scolastico 2017/18

L’Istituto comprensivo di Serra Riccò e Sant’Olcese comunica alle famiglie degli alunni delle classi V Scuola Primaria – I e II Secondaria 1° grado che è possibile presentare la domanda per l’assegnazione di libri in comodato d’uso, come da Piano Regionale per il Diritto allo Studio.

Scarica la comunicazione completa, contenente le modalità di presentazione delle domande.

 

Dissesto idrogeologico: un importante finanziamento per Vallombrosa

Un altro importante risultato, grazie al lavoro di progettazione degli uffici, è stato appena ottenuto, come si può leggere nella lettera dell’Assessore regionale Giampedrone: 167mila euro per la risagomatura dell’alveo del torrente Sardorella a monte della briglia selettiva in località Vallombrosa ed il consolidamento spondale di alcuni tratti di argine. Avanti così!

Incontro tra Tavolo tecnico FGC e Assessore Berrino: qualche notizia

LogoTavolo

ll Tavolo tecnico FGC e l’Assessore regionale Berrino si sono incontrati poco più di una settimana fa, proseguendo un proficuo dialogo per il bene del trenino. 

Ecco brevemente i temi affrontati:

Scadenza contratto di servizio nel 2019: l’Assessore Berrino ha ribadito la volontà di proseguire l’esercizio della FGC anche oltre la scadenza dell’attuale contratto di servizio con AMT. Tutto è subordinato ai diversi cambiamenti a cui andrà in contro il trasporto pubblico regionale da qui ad allora, con la gara per il bacino unico genovese. In ogni caso il trenino continuerà a sferragliare sulle nostre valli.

Rotabili. Circa 1.7 milioni di euro saranno utilizzati per eseguire interventi di rinnovo del materiale rotabile esistente, sia procedendo ad un restauro/revisione generale dei mezzi storici (A1, A5, A6 e 29) sia procedendo ad un revamp di quelli più moderni, con nuovi azionamenti elettronici e carrelli di scorta. Confermati inoltre 720.000 euro all’anno fino al 2019 per interventi infrastrutturali che riguarderanno consolidamenti della sede, rinnovi di binario la realizzazione di una nuova fossa/area officina nel deposito di Casella per semplificare le attività manutentive dei rotabili.

Tariffe. La Regione ha valutato complessivamente in maniera positiva la nuova tariffazione, benché con qualche criticità ancora da limare. L’assessore ha inoltre riconosciuto l’importanza della possibilità di acquistare il biglietto della FGC anche online ed ha detto che chiederà ad AMT di sviluppare tale funzionalità al più presto.

Corse notturne. Tutti sono concordi sul fatto che sarebbe bello poter offrire magari al sabato d’estate delle corse notturne da Casella a Genova. L’Assessore ha ribadito che questo deve avvenire a treni e km invariati, pertanto si sta lavorando sulla fattibilità del piano.

Restauro A6. Si è accennato brevemente a questo restauro la cui progettazione è avviata e sulla base dei primi rendering presentati, tutti in Regione concordano sull’importanza di evitare posti “ciechi”, che possano non far godere del tracciato panoramico della FGC.

Scarica il documento ufficiale di resoconto dell’incontro cliccando qui.

FGC: da lunedì 3 aprile i nuovi orari estivi

ferroviagenovacasella

Si informa che a partire da lunedì 3 aprile e fino a domenica 1° ottobre 2017 sarà in vigore l’orario estivo della Ferrovia Genova – Casella. Si riporta di seguito l’orario completo.

Orario feriale (dal lunedì al venerdì) in vigore da lunedì 3 aprile 2017

Partenze da Genova
7.37 – 9.01 -10.30 – 12.02 -13.22 – 14.23 – 16.40 – 18.00 – 19.35.

Partenze da Casella
6.20 – 7.27 – 8.50 – 10.39 – 13.12 – 14.55 – 16.30 – 18.08 – 19.16.

Orario del sabato e festivo in vigore da sabato 8 aprile 2017

Partenze da Genova
9.00 – 10.20 -11.58 – 13.10* – 14.53 – 16.25 – 17.44 – 19.05.
*corsa festiva (non si effettua il sabato feriale)

Partenze da Casella
7.35 -10.30 – 13.18 – 15.00 – 16.15 – 17.50 – 19.10.

Sant’Olcese ottiene lo sblocco del patto di stabilità: 550 mila euro contro il dissesto idrogeologico

Il Comune di Sant’Olcese ha ottenuto lo sblocco del patto di stabilità per 550 mila euro da investire in opere pubbliche. La comunicazione è arrivata due giorni fa, facendo di Sant’Olcese uno dei primi comuni in Liguria ad ottenere questo importante risultato.

La richiesta, portata avanti dal settore finanziario, in collaborazione con quello tecnico, ha convinto il Ministero dell’economia e delle finanze circa la bontà delle operazioni che potranno così essere finanziate con fondi comunali bloccati e, in parte, con finanziamenti regionali. Focus sulle problematiche in frazione Torrazza: si potranno finalmente mettere in sicurezza le zone di Bevegni e Vivagna con la costruzione di due rivi artificiali e finalemente dare il via alla chiusura dei lavori rimasti incompiuti dopo il fallimento Garaventa. Quest’ultima operazione è sempre però subordinata alla concessione delle aree da parte della curatela fallimentare.

Una notizia a suo modo storica per il nostro piccolo Comune. E ora al lavoro, mano ai progetti, alle gare e all’esecuzione dei lavori. Noi ci siamo!

Scuola: il calendario 2017/18

scuolabus

Approvato il calendario scolastico 2017/2018. Si inizia il 14 settembre e si chiude il 12 giugno, dopo 206 giorni di scuola. Previsto un lungo ponte per il 25 aprile. Ciascuna scuola potrà prevedere un massimo di 6 giorni di chiusura oltre alle festività indicate dalla Regione.

->

Un nuovo incontro tra Tavolo tecnico FGC e Assessore Berrino

LogoTavolo

Dopo il positivo incontro di un anno fa, il Tavolo tecnico FGC e l’Assessore regionale Berrino si incontreranno nuovamente il prossimo 29 marzo. L’anno scorso si parlava ancora della riapertura della linea. Quest’anno si parlerà dei piani futuri per rilanciare il servzio e per far fronte alle non poche criticità di questi ultimi mesi. Scarica qui la lettera del coordinatore che, a nome del tavolo, rimarca queste criticità e si interroga sulle possibili soluzioni a breve e lungo termine.

Vi terremo aggiornati sugli sviluppi dell’incontro.

Numero unico di emergenza: oggi a Genova è il “112 Day”

Anche in Liguria sta per entrare in vigore il numero unico di emergenza 112. Lo scorso 24 gennaio è stata effettuata infatti la migrazione dei numeri 118 e 115 su Genova e oggi 14 febbraio sarà la volta del 113. Dalle ore 10 di oggi per ogni emergenza bisognerà quindi digitare il 112.

“L’attivazione del numero unico consentirà una maggiore tempestività ed efficienza al sistema delle emergenze grazie agli strumenti di filtro e di smistamento delle chiamate verso il soggetto competente della presa a carico della richiesta” aveva evidenziato la vicepresidente e assessore regionale alla Salute Sonia Viale dopo la presentazione delle modalità di attivazione e gli aspetti tecnici del 112 Nue – Numero unico di emergenza europeo.

Entro il 2017 altre Regioni avvieranno il 112: tutto il Lazio (a Roma e’ già operativo), il Piemonte, la Valle d’Aosta, la Liguria, il Trentino, l’ Alto Adige, le Marche”.

Quindi ricordate, usate il 112 per ogni emergenza. Ma niente paura, gli altri numeri che siete eventualmente abituati ad usare non saranno disattivati per ora, ma semplicemente reindirizzati sul nuovo servizio.