Comunale di Beleno: un’assemblea aperta per aggiornare la popolazione

Esistono lavori impegnativi che si fanno dietro le quinte, altri invece su cui un Comune come il nostro deve segnare il passo. In ogni caso la gente deve essere informata adeguatamente. Cerchiamo di aggiornarvi tutti i giorni attraverso questo sito ma a volte non basta: occorre farlo faccia a faccia con i nostri concittadini.

Sull’ormai nota situazione della comunale di Beleno, interrotta al traffico a causa della frana ben documentata nella foto, occorre dire che il Comune ha fatto per ora tutto il possibile; ci siamo esposti economicamente in un anno difficilissimo per il nostro Bilancio: quasi 15mila euro sono stati già spesi per la pulizia dell’area, i rilievi e le perizie e, soprattutto, il progetto della nuova strada, che è stato appena spedito in Regione per le vie ufficiali.

In queste settimane si sono tenuti moltissimi incontri con la Regione, l’unico soggetto che ci può aiutare a sbloccare finanziariamente la questione. Come noto, l’Amministrazione già nel 2014 aveva spedito una scheda (nella foto) per segnalare il pericolo e per richiedere finanziamenti. Adesso è il momento che la Regione trovi queste risorse, magari attingendo dalle accise regionali. Un pronunciamento in questo senso è atteso da noi, dai cittadini e dalle attività produttive della zona entro il 30 luglio.

Avevamo promesso di organizzare un’assemblea pubblica sul tema. E’ giunto il momento: appuntamento per giovedì 19 luglio alle ore 19.30 nel punto esatto della frana, lato Beleno. La cittadinanza è invitata a partecipare.

Annunci

Benvenuti Pierfranco e Danilo!

Da oggi Il Comune di Sant’Olcese ha in organico due persone in più, che andranno a dare la loro mano alla nostra squadra di operai, sempre qualificatissima ma ormai ridotta nel numero dai continui tagli al personale degli ultimi anni.

Pierfranco e Danilo, selezionati grazie al bando “Over 60”, emesso dal settore sociale del Comune qualche tempo fa, verranno impiegati nelle mansioni di manutenzione strade, sentieri, giardini pubblici, spazzamento, piccola manutenzione ordinaria e fruibilità dei locali di interesse pubblico o abitazioni di persone in carico al servizio sociale comunale, agendo in collaborazione con l’Ufficio Tecnico del Comune.

Benvenuti e buon lavoro ragazzi!

 

 

Illuminazione pubblica: operazione led all’80%

 

A meno di un anno dalla partenza ufficiale del progetto che sta rivoluzionando l’illuminazione pubblica santolcesina, circa l’80% dei corpi illuminanti del nostro territorio sono stati sostituiti con lampade led di nuova generazione. L’operazione era stata inaugurata dopo la revisione completa dei quadri elettrici che comandano e proteggono le varie linee.

Mancano ancora le zone di Comago, Vallombrosa ed Assalino, che verranno completate entro settembre. Nel frattempo al via anche gli ampliamenti previsti nel progetto per questo 2018: Vicomorasso e Costa Monti in cima alla lista. Finita questa fase, inizieremo a dar seguito alle numerose segnalazioni della cittadinanza.

Entra anche nella sua fase esecutiva il progetto telecamere: cavi già posizionati, ora toccherà ai pali ed infine tutti i sistemi saranno installati, collaudati e messi in funzione.

Per ora il progetto sta andando a gonfie vele. Un progetto di cui siamo orgogliosi e che molti altri Comuni stanno valutando, chiedendoci informazioni. Bene così!

Lunedì finalmente in arrivo la nuova “mangusta”

Come anticipato nel Consiglio Comunale dello scorso maggio, la nostra Amministrazione si è impegnata con notevole sforzo nell’acquisto di un nuovo mezzo per lo sfalcio, in seguito alla rottura della vecchia “mangusta”.

Ora ci siamo, lunedì il nuovo mezzo sarà in consegna e potrà risolvere le criticità che sono state in parte mitigate dal lavoro delle ditte esterne e dagli interventi dei nostri operai.

Qui e non solo: il Sindaco e il Marchese

 

E’ arrivato in edicola il numero 79 del bimestrale di vallata “Qui e non solo dintorni”. Un numero speciale, con un “paginone” centrale dedicato interamente a due eventi che si sono tenuti nello stesso giorno, il fatidico 10 giugno scorso. Di cosa stiamo parlando? Ovviamente del Protettorato del salame e del matrimonio dell’anno, con un articolo tra il serio ed il faceto, nato dalla sapiente penna di Gilberto Volpara con la galeotta complicità di tutta la Giunta.

Più Sant’Olcese del solito dunque in questo numero, a partire naturalmente dallo spettacolo di Maurizio Lastrico, fino ad arrivare ai tanti temi amministrativi del momento: dai 400mila euro per la scuola Matteotti, al ponte di Arvigo, al PUC di cui abbiamo parlato diffusamente nei giorni scorsi. Fino ad arrivare all’importantissimo estendimento della fognatura di Comago, di cui parleremo più dettagliatamente nei prossimi giorni.

E in copertina, il nostro splendido parco di Villa Serra, guidato da pochi mesi dal “nostro” Giulio Torti. Tante idee per ripartire: una su tutte, Euroflora 2020. E un bilancio che piange, in difficoltà come tutti, nonostante gli impegni profusi da tutti gli attori del Consorzio (65mila euro gli investimenti 2018 sostenuti da Sant’Olcese).

Per approfondire questi e gli altri temi abbonati al magazine, al costo annuale di 14 euro.

Per ulteriori informazioni:

Direzione: Via V. Veneto 137/11
16018 Mignanego
Cell. 328/2020805

redazionequi@gmail.com

Per un cantiere che si chiude, quattro nuovi in partenza!

Ecco le prime foto dei lavori pressoché ultimati della riqualificazione idrogeologica ed urbana della frazione di Torrazza, località Bevegni e Vivagna. La costruzione dei due rivi artificiali, un’operazione da 560mila euro, finanziati per 392mila euro dalla Regione (fondi europei) e per 168mila con risorse comunali, è cosa ormai fatta.

La corsa contro il tempo e contro la burocrazia, termine ultimo per la consegna dei lavori 31/12/2018, è stata stra-vinta, grazie al lavoro meraviglioso dei dipendenti comunali. Il Comune firmerà la consegna dei lavori entro ferragosto, con 4 mesi di anticipo. Possiamo quindi festeggiare la realizzazione di un’opera che mitigherà i problemi che da 30 anni si manifestano nella zona e, come si vede dalle foto, riqualifica la località con nuove vie pedonali.

Per un’impresa che, dobbiamo dire, ha lavorato in maniera egregia, altre 4 ditte stanno per sbarcare in zona. Da domani lunedì 2 luglio, si parte infatti finalmente anche con i cantieri che competeranno le opere di urbanizzazione lasciate incompiute a seguito del fallimento Garaventa: regimazione delle acque, sicurezza stradale, illuminazione pubblica e asfaltatura nelle zone di Torrazza (S.Bernardo, Bevegni e Vivagna) daranno finalmente un assetto sicuro e decoroso all’intera zona.

 

 

–>

FGC: proseguono i lavori all’armamento

Proseguono i lavori di rinnovo e manutenzione straordinaria all’armamento. La settimana scorsa si è concluso il rinnovo della tratta tra Molinetti e Busalletta, fatto che consentito di elevare nuovamente a 35km/h la velocità massima ammessa sul relativo rettifilo, dopo molti anni in cui era limitata a 30. Ora il cantiere si sposterà a sud, nella tratta tra Tullo e Busalletta dove insistono gli ultimi rallentamenti presenti lungo la linea: l’obbiettivo “rallentamenti zero” si avvicina! (Fonte e foto Amici FGC).

Progetto TRENO in rampa di lancio

Come scritto qualche tempo fa, Regione Liguria è capofila del progetto” TRENO – Promozione delle linee ferroviarie turistiche e dei treni storici”, che ora prende slancio. Il nostro Comune è stato invitato al primo evento di comunicazione del progetto, che si svolgerà venerdì 29 giugno 2018 a Genova presso la Ferrovia Genova – Casella.

SI tratta di un evento per soli addetti ai lavori, un viaggio sul trenino per il lancio del Progetto che vuole coinvolgere diverse ferrovie storiche del Sud Europa. Il nostro trenino è stato scelto in quanto, sia dal punto di vista dell’infrastruttura che da quello del marketing, offre molti spunti migliorabili ma già allo stato attuale molto interessanti soprattutto per le altre ferrovie storiche. Il viaggio del 29 Giugno prevederà una presentazione del progetto a Manin e una tappa finale con presentazione di tutti i prodotti tipici locali della Vallata a Casella.

Regione Liguria, unitamente a Regione Toscana, Regione Autonoma della Sardegna, Office des Transports de la Corse, Région Provence-Alpes-Côte d’Azur e la Fondazione Camerale per l’Impresa, la Ricerca e l’Innovazione, Partner del progetto TRENO, sono gli attori di questa iniziativa, nata nell’ambito del Programma di cooperazione Interreg Italia-Francia Marittimo 2014/2020, cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR), che ha lo scopo di contribuire a rafforzare la cooperazione transfrontaliera tra i territori partecipanti e a rendere lo spazio di cooperazione una zona competitiva, inclusiva e sostenibile nel panorama europeo e mediterraneo.

Con il progetto TRENO, i Partner mirano a coniugare il fascino delle ferrovie storiche e turistiche costruite tra la seconda metà del 1800 e l’inizio del 1900 e i territori attraversati da tali linee, caratterizzati da elementi di pregio storico, culturale, paesaggistico, ambientale, escursionistico, sportivo e da produzioni tipiche. La valorizzazione delle ferrovie, dell’attrattività dei territori attraversati e la creazione di opportunità di sviluppo per le numerose micro, piccole e medie imprese operanti nel settore turistico e per quelle specializzate in prodotti tipici, sono le sfide che le Regioni dell’area transfrontaliera hanno deciso di affrontare congiuntamente.

TRENO mira infatti a migliorare l’accessibilità e la sostenibilità dell’offerta turistica transfrontaliera riqualificando e valorizzando le infrastrutture e le linee delle ferrovie storiche e turistiche che attraversano le aree della zona di cooperazione. Il Kick off meeting di TRENO è pertanto un’occasione di incontro per condividere le opportunità
offerte dal territorio transfrontaliero, del quale daremo presto un resoconto ai nostri cittadini. Nel frattempo, è stata segnalata da AMT l’imminente visita di numerosi tour operator internazionali, che vogliono valutare l’inserimento della ferrovia Genova Casella nei pacchetti escursionistici disponibili per i croceristi in transito a Genova.

Sfalcio: in arrivo la nuova “mangusta”

Come anticipato nell’ultimo Consiglio Comunale lo scorso maggio, la nostra Amministrazione si è impegnata con notevole sforzo nell’acquisto di un nuovo mezzo per lo sfalcio, in seguito alla rottura della vecchia mangusta.

Per l’ente pubblico, si sa, purtroppo la burocrazia è lenta ed i tempi sono spesso lunghi, pertanto, il nuovo mezzo sarà consegnato solo a fine Giugno.

Nel frattempo, per ovviare alle problematiche causate dall’erba alta sulle strade, sono state individuate ditte esterne a cui affidare i lavori di sfalcio a bordo carreggiata, in attesa di collaudare il nuovo acquisto.

Le ditte esterne hanno iniziato a lavorare già da lunedì e saranno impegnate su più fronti, prima dell’intervento dei nostri operai.

Buona estate, ragazzi!

La scuola è finita. Un altro anno scolastico si conclude per alunni, genitori insegnanti e lavoratori della scuola.

Nell’augurare a tutti una buona estate, l’amministrazione si prepara a vivere la solita stagione di impegni, anche e soprattutto sul fronte scuola.

Lasciando da parte le bacchette magiche, lavoreremo per migliorare i servizi che il comune eroga, primo fra tutti quello di trasporto scolastico. A fine mese è previsto un incontro con la società che gestisce lo scuolabus per fare il punto sul servizio totalmente insoddisfacente che ci ha fornito nell’anno scolastico appena concluso.

E il lavoro non si ferma neanche sul sogno della nuova scuola. Sui tempi nessuno può dire nulla di preciso, ma a breve ci saranno novità almeno sulla fase progettuale.

Intanto, il progetto, approvato nel 2015 dalla Giunta, per la riqualificazione energetica, l’ordinamento dei prospetti e l’adeguamento degli impianti della scuola elementare Matteotti, ha ottenuto un contributo di 400 mila euro, nell’ambito della legge n. 128/13 (decreto mutui) e del Dgr n. 159/2015. Ora il Comune dovrà trovare nel nuovo bilancio 40 mila euro per il cofinanziamento previsto dal bando.

Comago: approvato il 2° lotto per l’estendimento della fognatura

Continuano gli importantissimi lavori sulla regimentazione delle acque in frazione Comago. Dopo aver praticamente chiuso la difficile partita di villa Lagorio, ecco il secondo lotto di estendimento della rete nera. I lavori, per circa 200mila euro, copriranno l’area dalla zona della Madonnina fino ad allacciarsi al punto finale del primo lotto.

Il Comune ha chiesto ed ottenuto da Ireti, che condurrà il lavoro, anche l’ottimizzazione della regimentazione delle acque nella parte bassa della frazione. L’Ente sta inoltre già lavorando alla prossima fase, quella che raggiungerà il centro del paese. Una volta completato il terzo lotto, si potrà finalmente anche abbellire la piazzetta principale.

Comunale di Beleno: domani passaggio pedonale interrotto

Domani mercoledì 6 giugno prove geologiche sulla strada comunale di Beleno, propedeutici alla chiusura del progetto di ripristino della frana che dovrà essere presentato in Regione per accedere ai finanziamenti indispensabili per consentire la riapertura della strada. Per questo motivo la strada sarà interdetta al passaggio pedonale per tutta la durata dei lavori.

Via Beleno: pulizia, progetto e pressing in Regione

Dopo l’accordo trovato con i proprietari dei terreni limitrofi alla frana, è iniziata da parte del Comune la pulizia dell’area. Tutto ciò serve per riuscire a redigere un progetto definitivo per allargare la strada a monte, poiché a valle il danno è troppo elevato ed i costi al momento insostenibili.

L’Amministrazione già nel 2014 aveva spedito una scheda (nella foto) alla Regione per segnalare il pericolo e per richiedere finanziamenti. Puntualmente, dopo 4 anni esatti, la strada è franata, senza che il Comune avesse ancora avuto riscontro di quella segnalazione. Il pressing verso gli Enti a noi sovraordinati è comunque continuo, come sempre non ci risparmieremo per ottenere i fondi per il ripristino. Oggi stesso il Sindaco andrà in Regione per questo motivo. Vi terremo aggiornati e, non appena la situazione sarà più delineata, organizzeremo un’assemblea pubblica su questo tema.

“FGC: a due anni dalla riapertura, ecco le immagini della “nuova” A2

Nel video di Repubblica si può apprezzare la qualità dell’intervento che, a due anni dalla riapertura del servizio ferroviario del nostro trenino, ha riportato all’antico splendore la mitica elettromotrice A2. Al di la delle dichiarazioni di rito di tutti i protagonisti dell’inaugurazione di oggi alla presenza di Regione e Comuni attraversati dal trenino (ecco uno dei tanti servizi dei media locali), vorremmo rimarcare qualche aspetto.

Innanzitutto la passione che muove i vertici di AMT nella cura di questa infrastruttura a noi tanto cara. A volte la professionalità, pur elevata come in questo caso, può non bastare. Complimenti, e buon lavoro per i prossimi 6 anni almeno, vista la proroga del contratto di servizio. Passione insuperabile anche quella dell’Associazione Amici FGC, che risulta e risulterà sempre decisiva per le sorti della ferrovia.

Poi due notizie molto importanti: la prima è che la stazione di Campi è stata appena ristrutturata e, a breve, partirà un bando per l’assegnazione del servizio di ristoro della stazione stessa. Un punto di accoglienza sul nostro territorio, ideale punto di partenza per scoprire le tante attrazioni della zona. Sempre sul fronte stazioni, tra poco ecco la partenza della ristrutturazione di Sardorella, altro angolo suggestivo di Sant’Olcese.

Infine, a margine dell’intervento del Responsabile Esercizio e Manutenzione Ferrovie AMT Ing. Fabbri, che ha illustrato gli importantissimi investimenti del prossimo futuro sul trenino, ecco che si materializza una possibile speranza per le tanto agognate (dai Comuni) integrazioni di orario ATP-AMT-FGC. E’ in partenza un tavolo di lavoro, annunciato da Marco Beltrami, amministratore unico di AMT, che senz’altro seguiremo con grande attenzione.

Di seguito il testo integrale del comunicato stampa di AMT:

Continua a leggere

Qui e non solo: un matrimonio da “ritmi alti”

Ci scuserà la redazione del bimestrale di vallata se, in occasione del numero in uscita oggi, non faremo la solita carrellata delle notizie santolcesine per stuzzicare la curiosità dei lettori. Solo qualche pillola delle notizie che ci riguardano: nobile protettorato del salame 2018 (save the date, 15 maggio) con (forse) un famossissimo nuovo protettore, il ripristino del cedimento stradale di Beleno, la riqualificazione di Forte Diamante e le nuove segnaletiche di protezione civile, fino ad arrivare alla Mangiaforte 2018.

E il resto? Armando, Armando e ancora Armando (con Marta però): intervistato dagli studenti sul suo futuro, giudicato insieme con la sua squadra dai giornalisti “veri” in vista delle elezioni 2019. E, infine, lo splendido articolo di Gilberto Volpara, unico documento di questi anni discusso e condiviso in una seduta di Giunta all’insaputa del Sindaco … il matrimonio dell’anno merita uno strappo alla regola. Non certo a quella dei ritmi alti però.

Buona lettura!

Il matrimonio dell’anno – Sull’altare a ritmi alti

Il grande giorno sarà domenica 10 giugno. Dopo un infinito derby tra i parroci di Manesseno e Sant’Olcese, raccontato anche dai quotidiani cittadini, in paese, riferiscono che il paciere sia stato addirittura il cardinale Angelo Bagnasco.

DOVE – “E’ giusto celebrare la cerimonia nella chiesa della sposa” avrebbe detto la guida pastorale genovese, nel corso di un pranzo riservato, davanti ai fidanzati in compagnia di parenti e sacerdoti del borgo. Dunque, funzione in casa di don Giorgio Rivarola con don Giulio Ravera che, accettando il verdetto, scenderà dalla collina del salame per la concelebrazione….

COSA – A Manesseno e dintorni, sarà il matrimonio dell’anno: sull’altare il sindaco Armando Sanna con la bella Marta Clavarezza.

COME – Epilogo di un lunghissimo fidanzamento che ha visto la sposa, laureata in psicologia, usare ogni dote possibile perché l’amore prevalesse sempre davanti a un giovane amministratore abituato alla ripetizione del suo storico slogan tanto in mezzo all’alluvione quanto in una noiosa seduta di consiglio comunale: “Ritmi alti”. Motto per dire che il ruolo comunale va vissuto senza risparmiarsi, giorno e notte.

QUANDO – Ora, a scandire il tempo sarà la trentaduenne Marta. Tuttavia, il primo cittadino pare non aver per nulla delegato la preparazione delle nozze. Le indiscrezioni di palazzo, tratteggiano già la prima “sannata” da buon ritmo: viaggio di nozze tra New York e Aruba, ma soltanto due settimane perché il sindaco non vuole mancare alla festa in piazza del 23 giugno. Poi, post estate, sarà già campagna elettorale. E magari il momento di cullare un bebè. Ma forse, quelli, sarebbero ritmi davvero troppo alti.