Un piccolo segnale per gli sfollati del Morandi

A seguito del crollo di Ponte Morandi, la Giunta comunale ha recentemente deliberato l’esenzione per gli anni 2019 e 2020 dal pagamento della TARI chiunque, avendo perso la propria dimora, decida di fissare la residenza nel Comune di Sant’Olcese fino al 31 dicembre 2019.

Questa delibera, non certo risolutiva di tutti i disagi che i cittadini sfollati continuano a subire a causa della tragedia del 14 agosto e di tutti gli eventi ad essa connessi, vuole dare un segnale di vicinanza e allo stesso tempo di benvenuto a tutti coloro che sceglieranno Sant’Olcese per ripartire con la propria famiglia.

Dal punto di vista tecnico, il provvedimento dovrà essere recepito con atto successivo nel Regolamento TARI 2019.

Annunci

21 Ottobre: domenica solidale a Villa Serra

L’evento benefico che segna la ripresa ufficiale delle attività di Villa Serra. Tutti i dettagli nella locandina ufficiale.

Operazione trasparenza: puntata 7 – Campetto di Manesseno

Nella settima intervista si parla del nuovo campo da calcio a 5 e del nuovo posteggio auto a Manesseno. Sono questi due importanti lavori che stanno interessando la zona vicino alla chiesa del Santissimo Nome di Maria in via Poiré.

Per leggere l’articolo completo clicca qui.

Live on the road: Sant’Olcese ancora protagonista

Primocanale ancora sul territorio, questa volta in diretta, con la gradita presenza in trasferta del Sindaco di Serra Riccò e della giornalista Elisabetta Biancalani.

Nella foto, ovviamente del nostro fotografo Massimiliano Ruvolo, ecco gli ospiti che sono intervenuti:

Alimentari Piccarello, Enoteca Archinà, B&B Terre e Colori, tutte realtà che fanno parte della Consulta delle attività produttive, rappresentate dal Presidente Mirolo. Oltre naturalmente al Sindaco Sanna e gli Assessori Dante e Lottici.

Repliche stasera al TG delle 19.30 di Primocanale.

 

Frana di Beleno: in partenza il consolidamento del versante

Siamo sempre in attesa del contributo regionale. Ora si parla di fine mese. Ma il Comune ha deciso ancora una volta di esporsi per non peggiorare la situazione del versante. Sono quindi in partenza i primi lavori di consolidamento, che l’Ente ha deciso di finanziare con un mutuo da 60mila euro.

Da questa mattina gli addetti della società incaricata ad eseguire le opere sono sul posto e, da domani venerdì 5 ottobre fino al termine dei lavori, sarà interdetta la circolazione anche pedonale lungo il tratto interessato dalle ore 8.15 fino alle 16.45. Naturalmente gli addetti saranno a disposizione della popolazione per eventuali esigenze straordinarie che si dovessero presentare durante l’esecuzione dei lavori.

Navette per studenti: ancora variazioni da domani

Partiranno da domani giovedì 4 ottobre alcune modifiche agli orari delle navette, nate per garantire la continuità didattica agli studenti coinvolti nel blocco della viabilità a seguito del crollo di ponte Morandi. Le modifiche si sono rese necessarie per le concomitanti variazioni dell’orario delle Ferrovie.

Per quanto riguarda Sant’Olcese, tutte le navette del mattino si attesteranno tutte nuovamente su Bolzaneto FS, con i seguenti orari: 6:05 – 6:35 – 6:50

Le corse di rientro saranno operative con gli orari: 13:20 – 13:55 – 14:20 – 14:55 – 15:20 – 15:55.

Di seguito il prospetto completo, corredato da ulteriori dettagli

La Navetta S4 Sant’Olcese (06:05) – Bolzaneto (06:45) si interscambia con il treno n° 21137 in partenza dalla stazione di Pontedecimo alle ore 06:54 e con passaggio nella stazione di Bolzaneto alle ore 06:59, che permetterà di raggiungere Sampierdarena alle ore 07:14 e Genova Principe alle ore 07:22.

La Navetta S4 Sant’Olcese (06:35) – Bolzaneto (07:15) si interscambia con il treno n° 21139 in partenza dalla stazione di Pontedecimo alle ore 07:24 e con passaggio nella stazione di Bolzaneto alle ore 07:29, che permetterà di raggiungere Sampierdarena alle ore 07:44 e Genova Principe alle ore 07:52.

La Navetta S4 Sant’Olcese (06:50) – Bolzaneto (07:30) si interscambia con il treno n° 21109 in partenza dalla stazione di Pontedecimo alle ore 07:33 e con passaggio nella stazione di Bolzaneto alle ore 07:40, che permetterà di raggiungere Sampierdarena alle ore 07:54 e Genova Principe alle ore 08:02.

Operazione trasparenza: puntata 6 – Torrazza

Nella sesta intervista si parla della nuova strada di Torrazza, in via di completamento. L’opera è stimata in 420 mila euro ed è divisa in quattro lotti: regimentazione delle acque che arriveranno nei rivi di Vivagna e Bevegni, nuova illuminazione pubblica a San Bernardo e Vivagna, nuove barriere stradali e asfaltatura”.

Per leggere l’articolo completo clicca qui.

Se vedemmu Don Sambath! 

È stato un calorosissimo arrivederci quello di tutta la Comunità di Sant’ Olcese a Don Sambath, questa mattina, nella chiesa parrocchiale di Manesseno dove ha celebrato la sua ultima Messa, prima di intraprendere il viaggio verso Roma, per discutere la tesi, e poi volare nel suo paese natale, l’India.
Te arrivou in punta de pe…” questo è l’incipit della poesia in genovese a lui dedicata, che rispecchia al meglio la storia e la personalità del nostro Don: è arrivato in punta di piedi e piano, piano, il suo sorriso e la sua spontaneità hanno conquistato i cuori di tutti noi. “Ci sono 3 pilastri nell’integrazione: cultura, cibo e lingua” – dice Sambath – e proprio dalla nostra lingua é  partito lui, dal genovese, per arrivare alla nostra cultura e diventare parte di noi, del nostro vivere, del nostro essere piccola comunitàpulsante“, che ha arricchito con il suo entusiasmo. Di lui ci rimarranno tanti bellissimi insegnamenti, primo fra tutti quello, appunto, dell’integrazione e della socializzazione.

Nel suo bagaglio di vita, siamo sicuri che anche lui porterà sempre con sè un pezzo di noi, di quella Sant’ Olcese che, come ha detto, per 5 anni è stata un po’ la sua seconda famiglia.

Se vedemmu Don Sambath!


Foto: Massimiliano Ruvolo

Navette per studenti: da lunedì variazioni nelle corse del mattino

A seguito della riunione di ieri tra l’Assessore regionale Ilaria Cavo, ATP, Sindaco e Assessore ai trasporti di Sant’Olcese, si informa la popolazione (in attesa di comunicato ufficiale dell’azienda) che, a decorrere da lunedì 24 settembre, il servizio “navetta RIPARTIAMO DALLA SCUOLA” linea S4, tratta da Sant’Olcese Chiesa verso valle subirà le seguenti modifiche, frutto del monitoraggio del traffico e delle segnalazioni dei cittadini :

– la prima corsa partirà alle 6:15 per Bolzaneto FS, con transito su sponda destra del Polcevera e rientro a sinistra da ponte divisione Cuneense, coincidenze con treno 7:08 per Principe;

– la seconda corsa partirà alle 6:35 per San Biagio FS – Ponte X FS, coincidenze a san Biagio treno 7:19 e a Ponte X treno 7:30 per Principe;

– la terza corsa partirà alle 6:50 per Bolzaneto FS, coincidenza con treno alle 7:35 per Principe, “navetta S5” (AMT) per Brin (frequenza 10 minuti). Quest’ultima corsa sarà soggetta a verifica di utilizzo da parte degli studenti.

Le corse di rientro sono operative come da programma originario (13:20 – 13:50 – 14:20 14:55 – 15:20 15:45).

s4andata

 

 

Il Governo del “CambiaMento” conferma: taglio di 2,5 milioni per Sant’Olcese

Applausi! Il blocco dei fondi del Bando Periferie (circa 2 milioni e mezzo per Sant’Olcese) è cosa fatta.

Sant’Olcese perde i fondi per il nuovo ponte sul Sardorella in frazione Arvigo (1 milione e 300mila euro di finanziamento). Quasi sicuramente sfumata, benché in fase già esecutiva, anche la messa in sicurezza (asfalti, segnaletica e protezioni) delle strade provinciali di Sant’Olcese (circa 1 milione e 200mila euro di lavori da parte di città metropolitana).

Tutto questo non ci risulta fosse nel contratto di Governo. Complimenti per il cambiamento. Continueremo in ogni sede la battaglia per riavere questi fondi, ottenuti con il lavoro della Giunta e degli uffici.

Trasporti e viabilità: pensiero e azioni della Giunta

Da lunedì scorso è iniziato ufficialmente il periodo più duro per la viabilità ed i trasporti nella nostra città dopo la tragedia del Morandi. Le aziende hanno ripreso a lavorare a pieno ritmo, i nostri ragazzi sono tornati a scuola. E le ripercussioni del crollo si sono manifestate come tutti avevano immaginato.

Dal giorno di ferragosto in poi si è lavorato sul fronte della viabilità e dei trasporti quasi senza sosta. Grazie ai fondi per l’emergenza, alla disponibilità delle istituzioni locali e al lavoro di ANCI e dei Comuni sono state messe in campo misure strutturali e di emergenza.

L’abbonamento integrato è cosa di cui si parla da tempo ed è un risultato che vogliamo sia mantenuto per sempre. L’istituzione delle navette gratuite per gli studenti è invece una misura che giocoforza è temporanea e sotto stretta osservazione giornaliera (a breve si vedranno le prime modifiche attuate in concerto tra Regione, ATP e Comune – è appena finita una riunione telefonica tra Sindaco, Assessore Trucco, Assessore regionale Cavo e ATP) ma crediamo che, con tutte le criticità, sia un ottimo servizio, così come il prescuola, che dai sondaggi presso le famiglie è risultato un elemento molto richiesto.

Allo studio ci sono anche le misure anticipate dal Sindaco sul senso di marcia di Via Sardorella. Non è casa nostra ovviamente, ma il Comune di Genova sta valutando tutti i pro e i contro di eventuali modifiche.

Inoltre nei prossimi giorni ATP e Comune di Sant’Olcese studieranno la fattibilità di una prima serie di modifiche alla linea Staglieno-Trensasco-Campi per l’ottimizzazione in orario di punta delle coincidenze con FGC e il collegamento via Torrazza di Bolzaneto con la Val Bisagno e con il centro città.

Chiaramente sono moltissime le segnalazioni che ci arrivano in questi giorni. Quello che ci sentiamo di dire è che nessuna di queste viene cestinata a priori. Ne valutiamo la fattibilità economica e soppesiamo le richieste che arrivano da tanti cittadini come quelle che arrivano dal singolo. Ovviamente però ricordiamo che le risorse, i mezzi e gli uomini non sono infiniti. E che questo è un momento di forte emergenza, dove gli orari sono in continua evoluzione per i lavori in corso ed i cambi sulla viabilità stradale e ferroviaria (che si spera migliori a breve), per le dinamiche del traffico che portano a ritardi impredicibili a tavolino senza la prova del campo, per le misure che di volta in volta si mettono in campo.

In definitiva ci vuole molta pazienza, bisogna cercare di limitare quanto più possibile l’uso dell’auto o cercare di condividerla in più persone, in attesa che i lavori, non solo sul ponte, riportino Genova ad una situazione più vicina a quella pre-crollo. Con una promessa, anzi due. Non smetteremo di lavorare ed ascoltarvi. E, quando l’emergenza sarà finita, faremo tesoro dell’esperienza e cercheremo di far mantenere alle aziende le misure attuate in questi mesi con le caratteristiche giuste per diventare strutturali e definitive.

Operazione trasparenza: puntata 3 – Rivi

Nella terza intervista si parla della pulizia dei rivi (Ciubega, Fontanasse, Bevegni, Gazu), operazione tanto fondamentale in questo periodo quanto difficile per le scarsissime risorse a disposizione. Per leggere l’articolo completo clicca qui.