Qui e non solo: il numero di Natale 2020

Ecco in edicola il numero natalizio 2020 del bimestrale di vallata “Qui e non solo dintorni”. Un numero come sempre da acquistare per i numerosi contenuti che ci raccontano da un altro punto di vista molte vicende del nostro territorio.

Non può mancare l’articolo su uno dei temi caldi del momento, la privatizzazione di Villa Serra. Un tema non solo santolcesino, un ennesimo affronto a tutta la valle, contro il quale il nostro Comune mette a disposizione la prima risorsa qualificata: Il ritorno di Massimiliano Tovo nel Parco segna anche il  ritorno della competenza come requisito per gestione del Consorzio. E intanto la mobilitazione popolare fa capolino nei civilissimi striscioni di dissenso, apparsi nei giorni scorsi.

L’articolo dedicato alla nostra azione amministrativa si sofferma sull’emergenza Covid e sulle misure in procinto di essere varate dal Comune: l’assessore alle finanze Enrico Trucco spiega la messa in campo di risorse complessive pari a 150mila euro provenienti dal governo nazionale, mirate all’emergenza Covid intesa come aspetto sanitario ma anche di supporto sociale alle famiglie in difficoltà e al mondo associativo: “Chi conosce le realtà di paese è consapevole della valenza di simili sedi in cui tante generazioni si sono formate. Oggi, dobbiamo pensare con grande vicinanza e attenzione a famiglie, imprese, lavoratori. Al tempo stesso, però, imprescindibile l’aiuto per chi fa solidarietà e di solidarietà ha sempre vissuto”. I dettagli sulle cifre verranno spiegati nel prossimo Consiglio comunale: in questo momento gli uffici si stanno districando nel difficilissimo compito di capire ambiti, rendicontazione e corrette assegnazioni dei codici di bilancio per spendere in maniera corretta ed ottimale queste risorse.

Mentre si ritorna sul sogno del ponte sul Secca, importante sinergia con Serra Riccò, ecco un nuovo modo di fare rugby a Sant’Olcese: verso la meta in solitaria, una liberazione per fisico e mente. E anche se resta l’amarezza di un Natale senza i nostri numerosissimi ed affollatissimi appuntamenti delle feste, speriamo che sia un buon Natale, nonostante tutto!

Per approfondire questi e gli altri temi abbonati al magazine, al costo annuale di 14 euro.

Per ulteriori informazioni:

Direzione: Via V. Veneto 137/11
16018 Mignanego
Cell. 328.2020805
redazionequi@gmail.com

Qui e non solo: si celebrano i Sanna Runners, ma il Comune guarda avanti

 

Nel numero del bimestrale di vallata, in edicola da domani, è inevitabile parlare dello strepitoso successo di Armando Sanna alle ultime elezioni regionali. “Sanna, la lezione di un trionfo in nome dell’identità valligiana” è il titolo in evidenza. Un traguardo raggiunto grazie a una condivisione, più unica che rara, con una squadra di giovani e meno giovani in corsa. Con un insegnamento: i risultati si ottengono con battaglie di territorio.

Altra battaglia che il territorio dovrà fare è quella per Villa Serra, schematizzata in un articolo in cui lo stesso Armando Sanna delinea molto bene la questione e la posizione del nostro Comune, dopo che il nostro comunicato di ieri sta sortendo i primi effetti, non solo mediatici, per l’avvio di un dialogo serio.

Ma il Comune non si ferma. La squadra è solida ed il lavoro in municipio proseguirà corale e a livello di squadra come testimoniano esempi relativi all’avvio del terzo lotto per i marciapiedi Manesseno-Arvigo, i cantieri della fibra, che hanno momentaneamente interrotto la crono tabella delle asfaltature, o la conclusione della gara per il nuovo ponte di Isola. Il tutto, tra preoccupazioni meteorologiche e sanitarie, che hanno indotto l’amministrazione a una nuova campagna informativa sulle linee guide
anti Covid–19.

Ampio spazio anche alla mobilitazione santolcesina per Andrea, quando libertà è il sogno di un camper, di cui ci siamo fatti promotori e a Massimo Ratazzi, educatore santolcesino amato da più di una generazione ed ispiratore di Maurizio Lastrico. Mentre Franco Bampi, personaggio che “Incarna alla perfezione le caratteristiche del Nobile Protettore”, allargherà nel 2021 le fila dei testimonial del nostro prodotto tipico per eccellenza, il salame.

Per approfondire questi e gli altri temi abbonati al magazine, al costo annuale di 14 euro.

Per ulteriori informazioni:
Direzione:

Via V.Veneto137/11
16018 Mignanego
Cell.328.2020805
redazionequi@gmail.com

Un’altra puntata speciale di Viaggio in Liguria

Questa sera alle 21 su Primocanale nella trasmissione “Viaggio in Liguria” tante testimonianze di questo giorno importante in cui si ricordano i tragici fatti dell’alluvione di 50 anni fa. Ospite via Skype l’assessore Beatrice Cabella, da sempre impegnata nel volontariato.

Si parlerà poi, tra oggi e venerdì, anche del consuntivo di tutto riguardo, anche ai tempi del Covid, della tradizionale festa della solidarietà a favore dell’associazione Gigi Ghirotti, Ospiti i rappresentanti della Pro Loco Barbara Vella e Gianluigi Pittaluga, con il prof. Franco Henriquet.

Qui e non solo: elezioni ovviamente, ma tante notizie sul nostro Comune

Numero molto particolare del bimestrale di vallata, in questi giorni in edicola, dove ovviamente l’argomento elezioni amministrative e regionali la fa da padrone.

Gustoso l’articolo in cui gli amministratori di oggi e del passato si esprimono sui loro “amici” candidati alle Regionali. Ma sono anche altri gli argomenti che ci interessano da vicino. Nel periodico si trovano infatti aggiornamenti sulle opere pubbliche su scuole e dissesto e qualche approfondimento su due importantissime iniziative del nostro Comune, in collaborazione con altri soggetti: il ritorno di Maurizio Lastrico (che, come annunciato, non sarà da solo) e la convenzione per i test sierologici ai cittadini di Sant’Olcese.

Per maggiori dettagli restate collegati o correte in edicola!

Per approfondire questi e gli altri temi abbonati al magazine, al costo annuale di 14 euro.

Per ulteriori informazioni:
Direzione:

Via V.Veneto137/11
16018 Mignanego
Cell.328.2020805
redazionequi@gmail.com

Qui e non solo: irrompe l’argomento elezioni regionali

Anche nel bimestrale di vallata, in edicola già da un paio di settimane, si comincia a parlare apertamente delle grandi manovre in corso tra i vari schieramenti per le elezioni regionali.

Ed è proprio dalle pagine di “Qui” che per la prima volta si è letto il nome di Armando Sanna come la figura che può rappresentare ed unire davvero l’entroterra. Sei anni di buona amministrazione si vedono anche dalla stima che il nostro Sindaco sta ricevendo dopo l’annuncio della candidatura a poco più di un anno dalla conferma per il suo secondo mandato. Una scelta unica e condivisa in tutta la valle e non solo.

Altri temi di interesse santolcesino affrontati nel numero in edicola: l’orgoglio per la rinnovata scuola Matteotti si mischia al timore per i molti punti interrogativi sulla ripartenza post-Covid. Il nuovo mutuo che si è reso necessario per affrontare i danni che si susseguono senza supporto degli Enti a noi sovraordinati. E ancora, i costi del nuovo ponte di Arvigo, che salgono a causa del blocco del Bando Periferie voluto dal precedente Governo e non solo. Infine, i programmi di fine anno per il personale dipendente del Comune.

Per approfondire questi e gli altri temi abbonati al magazine, al costo annuale di 14 euro.

Per ulteriori informazioni:
Direzione:

Via V.Veneto137/11
16018 Mignanego
Cell.328.2020805
redazionequi@gmail.com

I danni dell’entroterra invaso da Tir e auto sulla stampa locale

Ecco un estratto dell’articolo de “Il Secolo XIX” di oggi. Il tutto nel silenzio assordante delle istituzioni. Una situazione che è stata mitigata solo grazie ai comuni, ai suoi dipendenti, volontari ed amministratori e sopportata dalla grande pazienza e collaborazione dei cittadini. E non è finita: e i danni chi li paga?

Consiglio comunale in diretta: un altro passo per la trasparenza

Oggi il Consiglio comunale tornerà a riunirsi “in presenza” nell’aula consiliare allestita presso il Centro Socio Culturale di Manesseno. Per le misure anti-Covid però non sarà possibile l’apertura al pubblico di questa assemblea, che sarà visibile per la prima volta in diretta sulla pagina Facebook del nostro gruppo. Un modo nuovo per stare tra la gente che si affianca al canale YouTube ufficiale dedicato alle registrazioni dei Consigli comunali.

Armando Sanna: “Nessuna boutade politica. La programmazione è totalmente assente”

Sant’Olcese (GE), 18 giugno 2020

Apprendo con grande rammarico che la lettera aperta al Presidente Toti e all’Assessore Giampedrone non risulta al momento meritevole di una risposta ufficiale, ma solo mediatica. Nell’attesa ho deciso di fare altrettanto, rispondendo tramite gli organi di stampa a quanto affermato dall’Assessore.

La mia lettera, tengo a precisarlo, non voleva essere un attacco alla Protezione Civile Regionale, né tanto meno voleva avere la connotazione politica da campagna elettorale evocata polemicamente dall’Assessore.

La finalità era tutt’altra. Ho voluto solamente sottolineare come in questi cinque anni non sia stata pianificata dagli enti a noi sovraordinati una programmazione funzionale alla prevenzione del dissesto idrogeologico che caratterizza la nostra Regione, ma ci si è limitati quasi esclusivamente alla gestione delle Somme urgenze.

L’esempio più calzante è proprio quello riportato dallo stesso Assessore, quando ha richiamato il caso di Via Amendola: la segnalazione sulla pericolosità di quella strada giaceva da tempo presso gli uffici regionali, senza risposta. Solo in seguito all’evento franoso e alla chiusura del tratto, dove il Comune ha dovuto esporsi con fondi propri sia nella fase progettuale che di realizzazione dei primi lavori di consolidamento, e dopo ulteriori eventi atmosferici che hanno ulteriormente aggravato la situazione, è stata riconosciuta dalla Regione una somma urgenza di 100mila euro, a fronte di una richiesta di 300mila. Tali somme sono servite per consentire la riapertura della strada a senso unico alternato e con una limitazione di peso e larghezza per i veicoli in transito. Con una programmazione più ad ampio respiro, con la stessa cifra avremmo probabilmente evitato frana, chiusura e ridimensionamento di quella strada.

Sono stupito nel leggere le considerazioni sugli esigui finanziamenti per la pulizia dei rivi e sono amareggiato come Sindaco nell’apprendere, per la prima volta nei miei sei anni di mandato, come la Giunta Regionale abbia declassato ad un “temporale estivo” quanto accaduto nel Comune di Sant’Olcese nella notte tra il 7 e l’8 giugno scorso, in barba ad un dato pluviometrico che attesta inequivocabilmente l’entità del fenomeno. Un evento che avrebbe potuto colpire qualsiasi porzione della Regione Liguria, e i dati non mentono, quale che sia il Comune in cui vengono registrati.

Nei miei anni da Amministratore la linea guida è sempre stata quella di stare in mezzo alla gente e con la gente: l’ultima dimostrazione è data dall’evento sopra citato, in cui i miei pensieri e quelli dei miei collaboratori sono stati quelli di supportare, durante e dopo, i volontari e mettere in sicurezza i cittadini.

La non troppo velata accusa di diffondere la “boutade politica” citata, pertanto, la rinvio cordialmente al mittente.

Lettera aperta da un Entroterra ferito

Spett.le Regione Liguria

Alla c.a.
Giovanni Toti
Presidente della Giunta Regionale

Giacomo Raul Giampedrone
Assessore alle Infrastrutture, Ambiente e Difesa del suolo

E p.c.
Consiglieri Regionali

Questa inedita alluvione di giugno, oltre allo sconforto di una inaspettata notte passata sotto il diluvio dove Sindaco, amministratori, volontari, affondavano i piedi nel fango cercando di capire cosa stesse succedendo, ci ha lasciato una pesante eredità in termini di danni economici.

Dalle prime stime, serviranno infatti circa 100mila euro per riparare le nostre strade comunali dopo questo evento. Cifra che si va tristemente a sommare a quelle, certificate e mai incassate, degli eventi alluvionali di ottobre e novembre 2019: 50mila euro circa di lavori già eseguiti in somma urgenza, inseriti dalla Protezione civile regionale in un riparto fondi che giace da mesi a Roma, più altri 170mila euro circa di lavori urgenti, debitamente riportati nelle schede che da quasi un anno sono state inviate alla Regione ma che ancora non hanno avuto la benché minima risposta.

Lavori, che se la Regione e lo Stato ci avessero supportato, forse avrebbero evitato parte di questi nuovi danni, perché avrebbero inaugurato una stagione nuova che mettesse davanti la prevenzione. Ora invece siamo a contare danni su danni. E l’autunno di questo sfortunato 2020 deve ancora arrivare, con la Regione che già ci comunica di fatto di arrangiarci, non riconoscendo al momento come evento alluvionale ciò che è accaduto tra domenica e lunedì nella nostra valle, sempre più in ginocchio e dimenticata, bistrattata anche da un declassamento dell’allerta a pochi minuti dall’evento che ci ha colpiti e che poteva mettere a rischio, veicolando un messaggio sbagliato e poco conservativo, la salute dei nostri cittadini.

Noi siamo i primi a prenderci le responsabilità. In qualche modo, oltre a spalare fango, ci attiveremo per reperire i fondi necessari, indebitando ancora una volta l’ente ed i nostri cittadini. Ma vorremmo vedere una Regione diversa, che non parli nei propri provvedimenti solo di barche, spiagge e seconde case. Esiste altro: servono soldi per migliorare le strade comunali ed i sentieri che cedono non per incuria ma per mancanza di fondi ai Comuni, non esaltare solo le grandiose ricostruzioni; servono fondi per il dissesto e la manutenzione dei torrenti, che fanno enormi danni anche nell’entroterra, danni che non vengono ripristinati in pochi mesi in diretta TV come accade altrove, mentre qui arrivano pochi spiccioli (neanche 7000 euro per il 2020).

Serve soprattutto una regia vera e un disegno ad ampio respiro che, ad oggi, è completamente assente.

Tanto per essere chiari. Non ne facciamo una questione di colore politico. Ma, visto che le elezioni sono alle porte, vediamo chi riuscirà a fare proprio questo nuovo modo di ragionare, a trasformarlo prima in promesse e poi in fatti. Noi siamo qui, il telefono sempre acceso e l’occhio sempre vigile, per dare il nostro contributo di idee e di progettualità.

Con immutata stima.

Sant’Olcese (GE), 15 giugno 2020

Il Sindaco
Armando Sanna

La Giunta Comunale
Matteo Boero
Beatrice Cabella
Sara Dante
Enrico Trucco

Il grido di dolore dell’entroterra: le interviste de “La Polcevera”

Sono molti i commenti che si leggono in questi giorni sui social riguardo quello che è successo domenica notte. Ciò che traspare da alcuni di questi è che forse la complessità del problema del dissesto idrogeologico del nostro entroterra non sia compresa fino in fondo. Il nostro intento è quello di far capire che sforzo ci sia dietro non solo alla gestione dell’evento calamitoso, ma anche in quella legata alla rendicontazione dei danni, alla progettazione, al sempre più difficile reperimento dei fondi per la prevenzione e la manutenzione.

“Serve una programmazione strutturale sul territorio per mettere in sicurezza le frazioni che sono a rischio” ha sintetizzato a “La Polcevera” il Sindaco di Sant’Olcese Armando Sanna. E’ la sintesi del nostro grido di dolore che vuole far capire un po’ di più la nostra difficoltà. Nei prossimi giorni renderemo note anche le stime dei danni e le azioni che dovremo intraprendere per un ripristino economicamente sostenibile.

Il “nostro” Aldo Olcese questa sera a Primocanale

Aldo Olcese Santonja

Aldo Olcese Santonja

Questa sera a Viaggio in Liguria (Primocanale, ore 21) il concittadino onorario Aldo Olcese ci parlerà della situazione che sta vivendo il suo paese in questa emergenza e di molti altri temi che lo legano alla nostra terra, primo fra tutti quelli legati alla crisi del comparto turistico.

Guarda il link di presentazione della trasmissione.

Qui e non solo: Sant’Olcese al tempo del virus

Ecco in edicola numero di maggio 2020 del bimestrale di vallata “Qui e non solo dintorni”.

Tutto ruota ovviamente intorno al periodo difficilissimo che stiamo vivendo, che ha rallentato ma non certo fermato il ritmo della comunità santolcesina.

Tante rinunce: dai progetti di valorizzazione dell’entroterra alle sagre, dai progetti sui lavori pubblici alla promozione della mobilità elettrica. E tanto altro. Trenino, Villa Serra (un interessante articolo è proprio dedicato al futuro del nostro parco) e, soprattutto, la difficoltà della nostra gente. Li si sono riversate tutte le residue risorse del Comune, con i Sindaci lasciati soli o quasi dalle altre istituzioni. “Speriamo che la fase 2 sia gestita meglio”, chiosa amaro il nostro Sindaco.

Il momento della ripartenza, appunto, viene giudicato ancora più delicato dalla giovane giunta di Sant’Olcese. Chi guida il
paese vanta un’età media tra le più basse di valle. Il plauso più grande della giunta è rivolto proprio ai ragazzi: “Estremamente responsabili. Hanno rispettato l’ordinanza in modo ligio”, conclude Armando.

Maggio sarà il mese del Bilancio. La Giunta ha deciso di non aumentare le tasse e sta valutando una sospensione di sanzioni e interessi su IMU e un rinvio della TARI. Anche se esiste un’oggettiva difficoltà di cassa in merito alla liquidità, l’orientamento resta quello di convogliare come detto il più possibile le risorse su chi ha più bisogno.

Segnaliamo infine anche un bellissimo articolo che ricorda la nostra Iris che, come tante altre persone più o meno conosciute, non abbiamo potuto salutare come avremmo voluto in questo momento davvero difficile.

Per approfondire questi e gli altri temi abbonati al magazine, al costo annuale di 14 euro.

Per ulteriori informazioni:

Direzione: Via V. Veneto 137/11
16018 Mignanego
Cell. 328.2020805
redazionequi@gmail.com