Il Comune ufficializza aliquote e tariffe 2017

Nell’ultimo Consiglio si sono deliberate ufficialmente le nuove disposizioni per i tributi comunali 2017:

  • TARI: leggi l’articolo relativo.
  • TASI: prima casa esente; seconda casa ed inquilini esenti, invariato.
  • Addizionale comunale IRPEF: 8 per mille, esenti sotto i 10mila euro, invariato.
  • IMU: prima casa esente; seconda casa: 9,5 per mille; fabbricati rurali ad uso strumentale esente, invariato.
  • Servizi comunali: sostanzialmente invariati, a parte qualche aumento sui matrimoni e l’istituzione di nuove tariffe afferenti a nuovi servizi (casa dell’acqua e trasporto sociale in primis).

 

Annunci

Disservizi postali a Sant’Olcese: aiutaci ad aiutarti!

Facciamo sentire la voce più importante, quella di cittadini, associazioni ed imprese. Come?

Prima possibiltà: vai sul sito ufficiale www.poste.it e compila il reclamo online, per i servizi di corrispondenza (a questo link) o pacchi (a quest’altro).

Attenzione: consulta qui i tempi massimi entro cui è possibile presentare un reclamo!

Non vuoi compilare il modulo on-line? Scarica qui la lettera di reclamo o richiedila nei nostri uffici postali di Piccarello e Manesseno, compilala in tutte le sue parti, e spediscila utilizzando una lettera raccomandata indirizzata a Casella Postale 160 00144 Roma (RM).

Hai il timore (fondato?) che la lettera tardi ad arrivare? Non scoraggiarti, hai altre possibilità:

  • Usa l’indirizzo di Posta Elettronica Certificata reclamiretail@postecert.it, allegando al messaggio la lettera di reclamo.
  • Manda la lettera via fax al numero 0698686415.
  • Consegna la lettera presso un ufficio postale del nostro territorio, o uno qualsiasi a tua scelta.

Il modulo sembra troppo complesso e poco adatto ad un reclamo generale su un disservizio diffuso e ripetuto? Hai ragione. Scrivi una lettera firmata ed inviala con raccomandata a questo indirizzo:

Poste italiane S.p.A.
Casella Postale 160
00144 Roma (RM)

alla c.a.
Responsabile
Area Logistica Territoriale Nord Ovest
Ram 4 Genova – La Spezia

Sarà ricevuta dalle persone che abbiamo incontrato in Comune e ci hanno assicurato tutta la loro attenzione per risolvere il problema. Sempre se non vuoi usare la posta ordinaria, usa i metodi alternativi del punto precedente (pec e fax), specificando però l’indirizzo dell’Area Logistica sopracitato.

Per le persone che sono legate loro malgrado a Poste italiane per la ricezione di riviste o giornali in abbonamento, consigliamo invece di inoltrare reclamo alle case editrici, rimarcando l’intenzione di disdire l’abbonamento e ribadendo la scarsa qualità del servizio. Saranno le società stesse, con il loro potere contrattuale, a reclamare verso poste per salvaguardare la loro immagine.

A Capodanno non fare il botto! Le raccomandazioni del Comune

botti-capodanno

Anche quest’anno, ribadendo il parere contrario della Giunta sull’utilizzo dei botti di capodanno, riproponiamo ed integriamo le raccomandazioni di qualche anno fa (ma sempre valide) del Comune di Genova e della Protezione Civile per i (speriamo) pochi cittadini che volessero usarli. Il nostro Comune presenta sia i rischi delle zone urbanizzate (vedi Manesseno) che quelli delle zone vicine a boschi o aree verdi. Per trascorrere le festività in sicurezza, senza causare danni a sé e agli altri, leggete quindi questo semplice decalogo della Protezione Civile del Comune di Genova, redatto per invitare i cittadini a un uso prudente dei fuochi d’artificio.

Continua a leggere

Il decalogo (sempre lo stesso) per difendere i nostri animali dai botti di Capodanno

Ed eccoci a riproporre anche per questo 2016 che sta per finire il decalogo dell’APAS, l’associazione protezione degli animali, in vista dei botti di Capodanno così poco amati da cani e gatti. A prescindere dall’opinione che si abbia nel festeggiare o meno il Capodanno con i tradizionali fuochi di artificio, e bene considerare che gli animali possono subire da queste pratiche serissimi danni. Attenzione quindi!

Continua a leggere

Il Comune ufficializza aliquote e tariffe 2016

Nell’ultimo Consiglio si sono deliberate ufficialmente le nuove disposizioni per i tributi comunali:

  • TARI: leggi l’articolo relativo.
  • TASI: prima casa esente; seconda casa ed inquilini esenti.
  • Addizionale comunale IRPEF: 8 per mille, esenti sotto i 10mila euro, invariato.
  • IMU: prima casa esente; seconda casa: 9,5 per mille; fabbricati rurali ad uso strumentale esente, invariato.
  • Servizi comunali: sostanzialmente invariati.

 

Un pensiero ai nostri animali: per loro Capodanno non è una festa

canebotti

Ed eccoci a riproporre anche quest’anno il decalogo dell’associazione protezione degli animali, in vista dei tanto discussi botti di Capodanno così poco amati da cani e gatti. A prescindere dall’opinione che si abbia nel festeggiare o meno il Capodanno con i tradizionali fuochi di artificio (la nostra è certamente evidente!), e bene considerare che gli animali possono subire da queste pratiche serissimi danni. Attenzione quindi!

Continua a leggere

A Capodanno non fare il botto!

botti-capodanno

Dopo la nota ufficiale del Sindaco divulgata ieri, nella quale abbiamo voluto esprimere il parere contrario della Giunta sull’utilizzo dei botti di capodanno, riproponiamo ed integriamo le raccomandazioni di qualche anno fa (ma sempre valide) del Comune di Genova e della Protezione Civile per i (speriamo) pochi cittadini che volessero usarli. Il nostro Comune presenta sia i rischi delle zone urbanizzate (vedi Manesseno) che quelli delle zone vicine a boschi o aree verdi. Per trascorrere le festività in sicurezza, senza causare danni a sé e agli altri, leggete quindi questo semplice decalogo della Protezione Civile del Comune di Genova, redatto per invitare i cittadini a un uso prudente dei fuochi d’artificio.

Continua a leggere

Tributi comunali: 16 dicembre 2015 termine ultimo per il saldo

Tempo di scadenze per chi deve saldare il conto di IMU, TARI e TASI: si avvicina infatti la data del 16 dicembre, quando i proprietari di prima casa pagheranno per l’ultima volta il tributo sui servizi dei Comuni. Ricordiamo le varie aliquote (invariate rispetto all’anno scorso e, quindi, anche rispetto all’acconto) per le varie componenti IUC:

  • TARI: leggi l’articolo relativo.
  • TASI: 2,5 per mille prima casa; seconda casa esente.
  • IMU: aliquota ordinaria: 9,5 per mille; prima casa e fabbricati rurali ad uso strumentale esenti.

Per informazioni Ufficio tributi
Orario di ricevimento: martedì dalle 14 alle 16, mercoledì e giovedì dalle 8 alle 12.30. E’ consigliabile prendere appuntamento.
Tel. 010.7267123 Fax. 010.7092428
E-mail: servizio.tributi@comune.santolcese.ge.it

TARI: si avvicina la scadenza della seconda rata

Il prossimo 16 settembre scadrà il termine per il pagamento della seconda rata della TARI.

Gli avvisi di pagamento e i modelli F24 sono già stati spediti ai santolcesini subito dopo l’approvazione del bilancio. Vi ricordiamo in ogni caso tutto quello che c’è da sapere su aliquote e tariffe deliberate dal Consiglio comunale, e vi invitiamo a leggere il box in home page nel sito ufficiale, dove potrete consultare i documenti ufficiali con tutte le informazioni, le delibere ed il regolamento e la modulistica associata al tributo.

Per ulteriori informazioni:

Comune di Sant’Olcese – Ufficio tributi
Piazza G. Marconi, 40 16010 Sant’Olcese (GE)
Orario di ricevimento: martedì dalle 14 alle 16, mercoledì e giovedì dalle 8 alle 12.30.
Tel. 010.72.67.123 Fax. 010.70.92.428
E-mail: servizio.tributi@comune.santolcese.ge.it

Il Comune ufficializza aliquote e tariffe 2015

Nella giornata di ieri il Consiglio comunale ha deliberato ufficialmente le nuove disposizioni per i tributi comunali:

  • TARI: leggi l’articolo relativo.
  • TASI: 2,5 per mille prima casa; seconda casa esente, invariato.
  • Addizionale comunale IRPEF: 8 per mille, esenti sotto i 10mila euro, invariato.
  • IMU: prima casa esente; seconda casa: 9,5 per mille; fabbricati rurali ad uso strumentale esente, invariato. Diminuzione del 15% circa sulle aree fabbricabili residenziali, in caso di tributo calcolato in base alle stime dell’agenzia del territorio, aggiornate al ribasso.
  • Servizi comunali: alcuni aumenti ISTAT (0.6%), invariati i servizi cimiteriali, scolastici e sociali; per questi ultimi aumento solo per il centro ricreativo (120 € annui 1gg/settimana, 140 € 2gg/settimana, 160 € frequenza piena).

 

TASI 2015: il Comune offre un servizio per il calcolo dell’importo

Il 16 giugno è il momento della scadenza della prima rata di tutte le imposte comunali. Il Comune informa che, l’Ufficio Tributi nelle giornate di martedì dalle ore 14 alle 16 e giovedì dalle 8 alle 12 fornirà, come richiesto dalle nuove norme, un supporto per il calcolo e la stampa del modello F24 per il pagamento relativo alla TASI, la tassa sui servizi indivisibili.

Per poter usufruire di tale servizio i contribuenti interessati dovranno obbligatoriamente presentarsi muniti del codice fiscale e della visura catastale dell’abitazione principale e relative pertinenze. L’aliquota della prima rata è quella deliberata dal Consiglio comunale dell’agosto scorso: 2,5 per mille per la sola abitazione principale. Per le altre abitazioni nulla è dovuto.

Comune di Sant’Olcese – Ufficio tributi
Piazza G. Marconi, 40 16010 Sant’Olcese (GE)
Tel. 010.72.67.123 Fax. 010.70.92.428
E-mail: servizio.tributi@comune.santolcese.ge.it

TARI 2015: in arrivo i modelli F24 per il pagamento della prima rata

In questi giorni stanno arrivando nelle case dei santolcesini gli avvisi di pagamento e i modelli F24 per il tributo comunale sui rifiuti, relativamente alla prima rata, con scadenza 16 giugno 2015.

L’acconto è calcolato in base alle tariffe TARI 2014 (aumentate del 5% per il tributo provinciale), in attesa dell’approvazione del bilancio e delle eventuali variazioni delle tariffe stesse. Gli importi saranno conguagliati con le restanti rate.

Dove pagare: il pagamento può essere effettuato presso gli sportelli di qualunque concessionario o banca convenzionata e presso gli uffici postali. Diverse banche offrono la possibilità di compilare e pagare il modello F24 via internet, mediante i servizi di home banking per i privati e di internet corporate banking per le imprese.

Per ulteriori informazioni:

Comune di Sant’Olcese – Ufficio tributi
Piazza G. Marconi, 40 16010 Sant’Olcese (GE)
Orario di ricevimento: martedì dalle 14 alle 16, mercoledì e giovedì dalle 8 alle 12.30.
Tel. 010.72.67.123 Fax. 010.70.92.428
E-mail: servizio.tributi@comune.santolcese.ge.it

Split payment: prime domande e risposte

bilancioPrime domande dei fornitori e prime risposte degli uffici sul nuovo metodo di pagamento legato allo split payment:

D: va bene fatturare direttamente con IVA ed incassare solo l’imponibile? Quale articolo di legge bisogna citare sulla fattura per giustificare l’incasso del solo imponibile?

R: l’art. 1, comma 629, lettera b, legge 23.12.2014 n. 190  (D.D.L. di stabilità) stabilisce che le Pubbliche Amministrazioni acquirenti di beni e  servizi devono versare direttamente all’erario l’IVA che è stata addebitata loro dai fornitori. Il meccanismo della scissione dei pagamenti si applica alle operazioni fatturate a partire dal 1° Gennaio 2015, per le quali l’esigibilità dell’imposta si verifichi successivamente a tale data.

Pertanto i pagamenti delle fatture da parte del Comune, riguarderà la sola parte imponibile. Nella fattura va pertanto indicato dai fornitori che “l’IVA esposta in fattura deve essere versata dal destinatario all’Erario ai sensi dell’art. 17 ter del DPR 633/1972”.

Aggiungiamo inoltre che 1° gennaio 2015 i Comuni devo avvalersi, per gli acquisti di beni e forniture, esclusivamente di CONSIP (Concessionaria Servizi Informativi Pubblici), MEPA (Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione) e CUC (Centrale Unica si Committenza).

Un pensiero ai nostri animali: per loro Capodanno non è una festa

canebottiEd eccoci a riproporre anche quest’anno il decalogo dell’associazione protezione degli animali, in vista dei botti di Capodanno così poco amati da cani e gatti. A prescindere dall’opinione che si abbia nel festeggiare o meno il Capodanno con i tradizionali fuochi di artificio, e bene considerare che gli animali possono subire da queste pratiche serissimi danni. Attenzione quindi!

Continua a leggere

A Capodanno non fare il botto!

La campagna della Croce Rossa

La campagna della Croce Rossa

Anche quest’anno riproponiamo ed integriamo le raccomandazioni del Comune di Genova e della Protezione Civile per quanto riguarda l’utilizzo dei botti di Capodanno nel nostro Comune, che presenta sia i rischi delle zone urbanizzate (vedi Manesseno) che quelli delle zone vicine a boschi o aree verdi. Per trascorrere le festività in sicurezza, senza causare danni a sé e agli altri, leggete questo semplice decalogo della Protezione Civile del Comune di Genova, redatto per invitare i cittadini a un uso prudente dei fuochi d’artificio.

Continua a leggere