Trasporto scolastico: iscrizioni entro il 30 luglio

Per motivi organizzativi, il settore Polizia Municipale ha fissato il termine del 30 luglio 2020 per la presentazione delle domande di iscrizione al trasporto scolastico.

Per scaricare il modulo, clicca qui.

Per informazioni:

-PEC: protocollo@pec.comune.santolcese.ge.it
-E-mail: polizia.municipale@comune.santolcese.ge.it
-Polizia locale: 0107267109 – 0107267131

Maltempo 20-21 dicembre 2019: la Protezione civile approva il piano degli interventi

Il capo del dipartimento della Protezione civile nazionale Angelo Borrelli ha approvato il piano degli interventi di somma urgenza chiesti dalla Regione Liguria.

A quanto si apprende da fonti regionali, si tratta di 13 milioni di euro di fondi riguardanti l’integrazione dello stato di emergenza attivato a ottobre 2019, che era stato esteso per comprendere i danni causati dalle diverse ondate di maltempo che avevano colpito la Liguria nell’autunno scorso.

Il Comune di Sant’olcese aveva richiesto circa 50mila euro per lavori già eseguiti in somma urgenza, mentre aveva stimato in 170mila i lavori ancora da finanziare. Questa delibera dovrebbe chiudere la partita (finalmente) sui lavori già eseguiti.

Consiglio comunale convocato per martedì 30 giugno

Sant'Olcese

Il Consiglio comunale è convocato in sessione ordinaria per martedì 30 giugno 2020 alle ore 18.15 presso la sala consiliare del Centro socio culturale di Via Gramsci 9.

La seduta sarà chiusa al pubblico ma visibile in diretta sulla pagina Facebook Sant’Olcese Inform@.

Rendiconto di Bilancio 2019 primo piano negli argomenti in agenda. Un programma dove si parlerà anche del Regolamento consiliare, di IMU, della comunità alloggio e dell’asilo nido di Manesseno.

Di seguito gli argomenti trattati:

Continua a leggere

TARI: la Giunta approva la carta dei servizi e la proroga delle rate 2020

Come già anticipato, la Giunta ha recentemente approvato la proroga del versamento delle rate 2020, come misura di semplificazione a favore dei cittadini, nonché di agevolazione finanziaria per le attività commerciali danneggiate dalla sospensione dell’attività a seguito dell’emergenza Covid-19.

Pertanto, i nuovi termini sono i seguenti:

– 1° rata entro 16 settembre 2020, corrispondente al 40% della tassa dovuta applicando le tariffe 2019.

– 2° rata entro 16 dicembre 2020, corrispondente al 40% della tassa dovuta applicando le tariffe 2019.

– 3° rata entro 16 marzo 2021, conguaglio applicando le tariffe che saranno approvate per l’anno 2020.

Contestualmente, come da normativa, il Comune ha anche emesso la carta dei servizi TARI, uno strumento a disposizione delle Pubbliche Amministrazioni per definire, in modo chiaro e facilmente comprensibile per gli utenti, servizi erogati, modalità, condizioni, standard di qualità garantiti ed in che modo gli utenti possano esprimere il loro giudizio sul servizio e presentare suggerimenti e reclami. E tra qualche giorno sarà online anche la rinnovata area trasparenza dedicata al servizio di raccolta rifiuti.

Clicca qui per scaricare il documento.

E intanto sul Secca …

Poiché la Regione non ha ritenuto “alluvionale” l’evento della notte del 7 giugno, con risorse proprie le due Amministrazioni Comunali di Serra Riccò e Sant’Olcese stanno intervenendo con un importante lavoro sul Rio Ligge. È stato approvato ieri il protocollo d’intesa tra i due enti, con un esborso di 20mila euro per Sant’Olcese. E intanto si continua a lavorare per il progetto definitivo del ponte di collegamento sul Secca.

Difesa del suolo: il Comune stanzia 350 mila euro per le frazioni alte

La Giunta comunale ha appena approvato una variazione di bilancio, che sarà ratificata nel prossimo Consiglio comunale, per affrontare le urgenze che attendono risposte da Regione e Governo da ormai troppo tempo, oltre ai danni dell’ultimo “temporale estivo”.

Noi andiamo avanti, nonostante tutto, accendendo un nuovo mutuo che graverà necessariamente sulle spese correnti dell’ente ma che non poteva attendere oltre. Se gli enti a noi sovraordinati si dovessero invece ricordare dei Comuni dell’Entroterra, faremo le nostre valutazioni sulla gestione di questo capitale, sempre nell’ottica del benessere dei nostri cittadini.

Armando Sanna: “Nessuna boutade politica. La programmazione è totalmente assente”

Sant’Olcese (GE), 18 giugno 2020

Apprendo con grande rammarico che la lettera aperta al Presidente Toti e all’Assessore Giampedrone non risulta al momento meritevole di una risposta ufficiale, ma solo mediatica. Nell’attesa ho deciso di fare altrettanto, rispondendo tramite gli organi di stampa a quanto affermato dall’Assessore.

La mia lettera, tengo a precisarlo, non voleva essere un attacco alla Protezione Civile Regionale, né tanto meno voleva avere la connotazione politica da campagna elettorale evocata polemicamente dall’Assessore.

La finalità era tutt’altra. Ho voluto solamente sottolineare come in questi cinque anni non sia stata pianificata dagli enti a noi sovraordinati una programmazione funzionale alla prevenzione del dissesto idrogeologico che caratterizza la nostra Regione, ma ci si è limitati quasi esclusivamente alla gestione delle Somme urgenze.

L’esempio più calzante è proprio quello riportato dallo stesso Assessore, quando ha richiamato il caso di Via Amendola: la segnalazione sulla pericolosità di quella strada giaceva da tempo presso gli uffici regionali, senza risposta. Solo in seguito all’evento franoso e alla chiusura del tratto, dove il Comune ha dovuto esporsi con fondi propri sia nella fase progettuale che di realizzazione dei primi lavori di consolidamento, e dopo ulteriori eventi atmosferici che hanno ulteriormente aggravato la situazione, è stata riconosciuta dalla Regione una somma urgenza di 100mila euro, a fronte di una richiesta di 300mila. Tali somme sono servite per consentire la riapertura della strada a senso unico alternato e con una limitazione di peso e larghezza per i veicoli in transito. Con una programmazione più ad ampio respiro, con la stessa cifra avremmo probabilmente evitato frana, chiusura e ridimensionamento di quella strada.

Sono stupito nel leggere le considerazioni sugli esigui finanziamenti per la pulizia dei rivi e sono amareggiato come Sindaco nell’apprendere, per la prima volta nei miei sei anni di mandato, come la Giunta Regionale abbia declassato ad un “temporale estivo” quanto accaduto nel Comune di Sant’Olcese nella notte tra il 7 e l’8 giugno scorso, in barba ad un dato pluviometrico che attesta inequivocabilmente l’entità del fenomeno. Un evento che avrebbe potuto colpire qualsiasi porzione della Regione Liguria, e i dati non mentono, quale che sia il Comune in cui vengono registrati.

Nei miei anni da Amministratore la linea guida è sempre stata quella di stare in mezzo alla gente e con la gente: l’ultima dimostrazione è data dall’evento sopra citato, in cui i miei pensieri e quelli dei miei collaboratori sono stati quelli di supportare, durante e dopo, i volontari e mettere in sicurezza i cittadini.

La non troppo velata accusa di diffondere la “boutade politica” citata, pertanto, la rinvio cordialmente al mittente.

Proseguono le riaperture nella nuova ordinanza sindacale

A partire da oggi 16 giugno 2020 e sino al 25 giugno 2020 (compreso):

1. Il Parco di Villa Serra, fatto salvo che il Consorzio preveda di osservare un orario più ridotto, potrà restare aperto nella giornata di lunedì dalle ore 14,00 alle ore 20,00, nelle giornate di martedì e mercoledì dalle ore 09,00 alle 20,00, nelle giornate di giovedì e venerdì e sabato dalle ore 09,00 alle 23,00 e nella giornata di domenica dalle ore 09,00 alle ore alle ore 20,00;

– L’area giochi all’interno del Parco, salvo diversa decisione del Consorzio, potrà essere riaperta a condizione che si evitino situazioni di sovraffollamento e che, all’interno di essa, venga collocato un dispenser per la pulizia delle mani;

– Fatto salvo che si tratti di coniugi, persone comunque conviventi o di genitori o nonni che accompagnano figli o nipoti minorenni, l’utilizzo delle panchine presenti all’interno del Parco resta limitato ad una sola persona alla volta;

2. Le strutture di proprietà dell’Ente in cui sono collocati il Centro Socio Culturale di Via Gramsci, l’ex scuola di Torrazza, il Palazzetto dello Sport di Via Levi resteranno chiuse, fatti salvo l’accesso ai responsabili delle strutture ed agli addetti autorizzati per effettuare lavori di manutenzione o di movimentazione materiali e/o attrezzature;

3. I campi sportivi di Manesseno, Sant’Olcese e Torrazza e Vicomorasso resteranno chiusi;

4. Per quanto non espressamente stabilito nella presente Ordinanza, si rimanda interamente al sopra richiamato provvedimento di cui al Rep. 1817 (protocollo n. 5734 del 02 giugno 2020);

5. Resta inteso che, a prescindere dal luogo e dal contesto in cui possono maturare, restano vietate tutte le circostanze che non consentono un adeguato distanziamento sociale e che creano situazioni di assembramento.

Leggi l’ordinanza completa cliccando qui.

ATP e Trensasco: il Comune scrive all’azienda e alla Città Metropolitana

Spett.le
ATP Esercizio Srl
Via Conturli, 53
16042 Carasco (GE)

e p.c. Alla Città Metropolitana di Genova
P.le Mazzini, 2
16122 Genova
c.a. Claudio Garbarino

Oggetto: Linea ATP Campi-Trensasco-Staglieno

Lo scrivente Ente vuole porre in evidenza la situazione di malcontento che è venuta a crearsi, soprattutto nella frazione di Trensasco, a seguito del mancato ripristino della linea in oggetto dopo la sua soppressione a seguito dell’emergenza Covid-19.

Pur comprendendo la difficile situazione dovuta all’emergenza, le decisioni di ATP a seguito della ripartenza sono state assolutamente insoddisfacenti e non trasparenti. In prima battuta è stato istituito un servizio a chiamata insufficiente per le esigenze della popolazione; in seguito è stata promessa una ripartenza della linea all’inizio di giugno e un potenziamento del suddetto servizio a chiamata. Nulla di tutto questo ha però avuto un seguito, compreso il fatto che il Comune attendeva notizie ufficiali dei piani aziendali su Sant’Olcese in generale e su Trensasco in particolare entro la settimana appena conclusa.

Un rapporto di questo tipo non è più accettabile, perché disattende il ruolo del Comune, che potrebbe invece svolgere un ruolo importante per la sua conoscenza del territorio e delle esigenze della popolazione dal punto di vista della mobilità ed è invece ridotto ad un lavoro di filtraggio di richieste e lamentele che, anche se hanno una valenza per il miglioramento del servizio, vengono sempre disattese. Come vengono disattese le nostre proposte che giacciono da anni in qualche cassetto dell’azienda e anche della Città Metropolitana. Proposte che prevedono l’integrazione degli orari con AMT e Ferrovia Genova-Casella, l’utilizzo di bus a chiamata per integrare le zone non servite, e tanto altro. Disegni organici che non vengono mai presi in considerazione a scapito del cittadino e a favore di orari che vengono solo incontro alle esigenze aziendali su linee e corse più redditizie e su logiche di turnazione di personale viaggiante, che alla gente interessano poco.

La richiesta dell’ente è quindi di ripartire con questi ragionamenti, appena sarà possibile farlo. Ma prima occorre ripristinare la linea di Trensasco. Poi si potrà, se finalmente l’azienda sarà disponibile, a parlare su un percorso di cambiamento organico del servizio sul nostro Comune sul quale non abbiamo alcun tipo di pregiudizio. Neanche sul servizio a chiamata, purché sia efficiente ed usato per integrare e migliorare il servizio, non per sostituirlo e farlo di fatto cadere sotto lo standard minimo di decenza dello stesso.

Ricordiamo che il Comune di Sant’Olcese ogni anno iscrive a bilancio cifre consistenti per l’Ente, per quanto possano sembrare esigue agli occhi dell’azienda, a favore di un trasporto pubblico degno di questo nome. Anche quest’anno, in cui importanti servizi potrebbero essere tagliati per la crisi in atto. E invece questo momento di difficoltà non solo è stato colto per migliorare e razionalizzare le cose collaborando con i Comuni, ma usato per inaugurare una nuova stagione di tagli indiscriminati e non accettabili.

La gente vuole percepire nuovamente un servizio pubblico degno di questo nome: moderno, efficiente e che non dimentica i più deboli. Esattamente il contrario di ciò che percepisce in questo momento, difficile per tutti, ma che non giustifica la scelta di eliminare del tutto delle linee come fatto per Trensasco, rendendo ancora più evidente di quanto non fosse già la subalternità dell’entroterra genovese su quanto viene fatto nel Levante ligure.

Certi di un cortese riscontro, porgiamo i nostri più cordiali saluti.

Sant’Olcese (GE), 15 giugno 2020

Armando Sanna
Sindaco

Enrico Trucco
Assessore ai Trasporti

Si lavora per il ritorno alla normalità

Continuano i lavori per tornare alla normalità. Moltissimi i punti in cui si deve ancora intervenire ma, compatibilmente con il grado di urgenza e le risorse disponibili, stiamo cercando di fare il massimo.

Di seguito qualche testimonianza video di Primocanale e Telenord

https://www.primocanale.it/video/auto-una-sopra-all-altra-e-fango-i-danni-del-nubifragio-a-sant-olcese-118362.html

https://www.primocanale.it/video/maltempo-sindaco-di-sant-olcese-bomba-d-acqua-servono-fondi-per-pulire-i-rii-dormienti–118365.html

https://telenord.it/sant-olcese-bomba-d-acqua-esonda-rivo-paura-e-danni

Ritorno alla normalità per il trasporto sociale

Giunta al termine anche la Fase 2, il servizio del Trasporto Sociale dopo circa 650 spese effettuate in piena emergenza, torna alla sua natura originale.

Per garantire all’operatrice e agli utenti una maggiore sicurezza stiamo attrezzando e sanificando il mezzo con tutte le disposizioni previste per legge.
Da questa settimana chi avrà necessità potrà usufruire del servizio che sarà operativo cinque giorni a settimana dal Lunedì al Venerdì seguendo il tariffario in vigore prima dell’emergenza.

L’allerta diventa arancione: COC in attivazione

Dalle ore 11 di oggi, domenica 7, il livello di allerta nella nostra zona passerà da giallo ad arancione e durerà fino alle ore 20. Il Centro operativo comunale sarà attivato come da protocollo. Lo stato di allerta scenderà poi, salvo aggiornamenti, a livello giallo fino alle 10 di domani.

Prestare la massima attenzione per possibili locali temporali di forte intensità.

Nessun nuovo caso di Covid a Sant’Olcese

Nelle ultime settimane, nessuna nuova comunicazione da parte di Asl di nuovi casi di Covid 19 sul Nostro territorio. Rimane dunque fortunatamente fermo a 17 il numero di casi positivi a Sant’Olcese.

Un’ottima notizia che non deve fare abbassare la guardia ma che sottolinea il grande senso civico ed impegno da parte di tutti i cittadini di Sant’Olcese nel seguire le disposizioni utili alla prevenzione.

Avanti così!