Il decalogo (sempre lo stesso) per difendere i nostri animali dai botti di Capodanno

Ed eccoci a riproporre anche per questo 2016 che sta per finire il decalogo dell’APAS, l’associazione protezione degli animali, in vista dei botti di Capodanno così poco amati da cani e gatti. A prescindere dall’opinione che si abbia nel festeggiare o meno il Capodanno con i tradizionali fuochi di artificio, e bene considerare che gli animali possono subire da queste pratiche serissimi danni. Attenzione quindi!

  • Teniamo gli animali il più lontano possibile dai festeggiamenti e dai luoghi in cui i petardi vengono esplosi.
  • Non lasciamoli soli. Gli animali paurosi potrebbero avere reazioni incontrollate e ferirsi, quindi è necessario stare loro vicino, senza esagerare con coccole e carezze. E’ necessario mostrarsi tranquilli, cercando di distrarli, se possibile, con giochi e bocconcini, mostrando che non c’è nulla di cui preoccuparsi.
  • Non lasciamoli in giardino. Tenere in casa o in un luogo protetto e rassicurante anche gli animali che abitualmente vivono fuori in modo da scongiurare il pericolo di fuga.
  • Teniamo alto il volume di radio o televisione in modo che venga attutito il rumore dei botti proveniente dall’esterno, chiudendo le finestre e abbassando persiane.
  • Lasciamo che il nostro amico a quattro zampe si rifugi dove preferisce, anche se si tratta di un luogo che normalmente gli è “vietato”.
  • Durante le passeggiate teniamoli al guinzaglio, inoltre evitare di portarli fuori a mezzanotte o poco prima, perché spesso gli scoppi iniziano con anticipo.
  • Nei mesi precedenti (questo varrà per l’anno prossimo) facciamo visitare l’animale da un veterinario comportamentalista che prescriverà la terapia da seguire, sia comportamentale che, nel caso si necessario, farmacologica.
  • Evitiamo soluzioni fai-da-te somministrando tranquillanti, in ogni caso consultare per questo preventivamente il veterinario.
Annunci