centrosinistraAvere il sogno di camminare a Manesseno senza paura, incontrando persone allegre e ritrovare un paese nuovo, antico ma ansioso di futuro. Oggi possiamo dire di averlo realizzato, nonostante mille difficoltà, qualche incomprensione, sicuramente molti sacrifici da parte di tante persone.

Di questo abbiamo parlato tanto durante l’anno. Sicuramente ne parleremo ancora, non per annoiarvi e per dirci che siamo stati bravi, ma per affrontare le criticità che affioreranno nei primi mesi della nuova Manesseno dopo la chiusura definitiva dei cantieri.

Ma Sant’Olcese non è solo Manesseno. Tutti noi crediamo infatti in una nuova stagione di rinnovamento in tutto il paese, in tutte le frazioni.

Abbiamo iniziato la riqualificazione di Piccarello dando risalto al borgo, e stiamo studiando la soluzione migliore per offrire a tutta la popolazione un’altra piazza dove vivere senza auto e camion che ti stringono, che ti costringono a passare veloce. Stiamo facendo grandi e piccoli investimenti per abbellire le frazioni, sfruttando qualsiasi possibilità che il nostro bilancio comunale ed i lacci delle leggi statali ci permettono.

Sant’Olcese non è solo Manesseno, abbiamo detto. E non è solo Lavori Pubblici o eventi sportivi di gran richiamo. Per questo vi vogliamo fornire un report dei nostri primi 500 giorni, in cui vogliamo parlare soprattutto delle cose che sono state fatte settore per settore e che fatalmente sono finite un po’ in secondo piano rispetto all’opera dei marciapiedi. Lo faremo in maniera schematica, a puntate. Alcuni settori hanno tante cose da dire, altri per loro costituzione si sono sacrificati in un lavoro più oscuro ma ugualmente fondamentale. Pensiamo per esempio all’Urbanistica, dove si sta lavorando al nuovo Piano Regolatore insieme con i Comuni vicini e la Città Metropolitana o al Personale, dove si cerca di razionalizzare sempre più il nostro Organico.

Un punto che accomuna tutti i settori è naturalmente quello dei rapporti con i cittadini. Nel 2014 abbiamo organizzato incontri periodici nelle varie frazioni, per dare “voce” ai cittadini. Nel 2015 si è invece scelto di spiegare ai cittadini l’iter di due opere importantissime: il ponte ed i marciapiedi di Manesseno, naturalmente. Nel 2016 programmeremo senz’altro altri incontri in concomitanza del traguardo di metà mandato, potenzieremo ancora gli strumenti di comunicazione dell’amministrazione legati alle nuove tecnologie e cercheremo di finanziare il progetto del nuovo sito internet ufficiale del nostro Comune.

Già, il 2016. Un nuovo anno di lavoro. Un anno in cui continueremo a coinvolgere nelle frazioni i cittadini per far conoscere come intendiamo cambiare e sviluppare il nostro territorio. Sarà un anno importante, dove forti novità ci aspettano: il tanto atteso ripristino del trenino, lo sblocco del percorso verso la Raccolta Differenziata Spinta, i fondamentali interventi  a Torrazza oltre alla gestione quotidiana sempre stretta tra vincoli, cambiamenti di leggi, difficoltà di dialogo con la Regione e ristrettezze della Città Metropolitana.

Insomma, un normale e complicato nuovo anno, che potrà diventare speciale e semplice solo con l’aiuto e la comprensione di tutti.

La Giunta Comunale