immagine ladro

Solo una strumentalizzazione politica quella che si legge sull’articolo apparso oggi su genova24.it, che riprende una nota del Consigliere del Municipio Centro Ovest, Davide Rossi (Lega Nord). Una presa di posizione a cui il Sindaco e la Giunta vogliono rispondere con fermezza perché merita qualche puntualizzazione.

Le denunce ufficiali di furti a Sant’Olcese, peraltro in diminuzione dopo l’arresto di alcuni responsabili, non sono per ora riconducibili al campo nomadi di Bolzaneto. Questo ad oggi dicono i dati ufficiali, che naturalmente possono cambiare, ma saremmo nel campo delle ipotesi. In questo momento voler legare le due cose senza interpellare ne il Sindaco ne i Carabinieri significa solo voler fare una polemica su un argomento di grande visibilità non per risolvere i problemi, ma per perseguire un disegno politico che morirebbe da solo proprio se questi problemi venissero risolti.

Il Comune invece prende un’altra strada. Quella del buon senso e del lavoro. La situazione di Sant’Olcese è conosciuta infatti dal Comune come nessun altro. Un Comune che incontra i cittadini (questa sera il Sindaco sarà presente a Trensasco), dialoga e collabora con le forze dell’Ordine e mette in campo tutte le iniziative che ci sono permesse. La prima, lo avevamo detto, consisterà nell’installazione di un sistema sofisticato di videosorveglianza, sul quale verranno impiegate ingenti risorse e una persona esperta già messa a libro paga dell’Ente per tutto il 2016. Fatti reali, non promesse. Come il costante impegno anche sulla sicurezza delle strade, che nel 2015 hanno comportato Investimenti senza precedenti per il nostro territorio, nei limiti delle nostre possibilità finanziarie.