NewManne

E’ arrivato da un paio di giorni in edicola il numero 63 del bimestrale di vallata “Qui e non solo dintorni”. Vi invitiamo ancora una volta ad acquistarlo, perché anche questa volta non mancano le notizie importanti sul nostro  Comune.

Si parte dal santolcesino Gianni Vassallo che, amaramente, prende atto della situazione delle ex strade provinciali: “La cosa grave è che nel 2016 andrà anche peggio”. E ancora: “La Città Metropolitana non ha la forza che aveva la Provincia”, dice il Consigliere metropolitano delegato ai lavori pubblici. Le buche restano, le foreste a bordo strada si fanno largo e i pericoli aumentano. La soluzione? Cartelli fissi o elettronici per avvisare gli automobilisti a tutelarsi da una situazione di alta criticità. Senza parole.

Si racconta poi, ancora una volta, la storia del Leonardo di Tullo, Attilio Besagno. L’ennesimo articolo da gustare per intero. La collaborazione tra CRI di Campomorone e di Sant’Olcese per un nuovo corso di primo soccorso narra invece un’altra bella vicenda di volontariato e aiuto reciproco.

L’immancabile articolo sul trenino di Casella riconosce al Sindaco di Sant’Olcese, dopo le critiche del passato fatte a tutti i Comuni delle tre valli, almeno lo spirito battagliero di questi mesi. Non abbasseremo certo la guardia, anzi. L’intera comunità valligiana anticipa però un possibile tema futuro: “La vecchia Regione ha investito quattrini, ma il treno non è partito. La nuova giunta promette accelerazioni perché la ferrovia torni a operare. Tuttavia, combatteremo fin da subito eventuali idee di servizi solo per turisti tagliando le corse dei pendolari”. Chiaro il concetto?

Menzioni (meritate) anche per Andrea Pedemonte Cabella ed il suo protettorato del salame e per il record (18mila euro) della festa della solidarietà in favore della Gigi Ghirotti.

Tema caldo: al solito la viabilità di Manesseno. Un articolo parla della protesta dei commercianti. Tutti hanno la propria idea. Diversa. Interventi, oltre che dei commercianti, di tutte le voci del Consiglio comunale, con i capigruppo Simone Marin (diverse obiezioni: senso di marcia, larghezza dei marciapiedi e criticità degli autobus. Tutte questioni tecniche già affrontate e spiegate, compreso il fatto che la decisione sul senso di marcia non è definitiva) ed Elena Viola (favorevole al progetto, ereditato da loro, dice …) in testa. E pure la ex-candidata sindaco Patrizia Altobelli che spiega: “Ho avviato una raccolta firme (per cosa?), il Comune non può restare in silenzio (??). Inoltre, c’è grande preoccupazione anche per il nuovo ponte costruito con evitabili piloni in alveo su cui scarica un flusso d’acqua che in caso di piena diventa pericoloso”. Se lo dice lei.

Naturalmente il Sindaco e la Giunta vanno dritti per la loro strada, anche perché i punti di vista contrari sono almeno una mezza dozzina, e questo giornale ne è la dimostrazione. “I bilanci si fanno alla fine”, chiosa Armando. E non manca di prendersela un po’ con la Regione per le ormai numerose vicende che ci stanno penalizzando. Un articolo amaro, che si conclude con qualche nota positiva: il Sant’Olcese Trail, con agonismo e natura tra Villa Serra, sentieri e rifugi. Panorami accompagnati dal tipico e immancabile salame. Il Sindaco atleta conclude: “Il volontariato, nostro segreto per vincere ogni difficoltà”.

Per approfondire questi e gli altri temi abbonati al magazine, al costo annuale di 14 euro.

Per ulteriori informazioni:

Direzione: Via V. Veneto 137/11
16018 Mignanego
Cell. 328/2020805
redazionequi@gmail.com